“La parola è potere”, di vito ditaranto

Immagine correlata

Risultati immagini per la parola è potere

“La parola è potere”, di vito ditaranto

Il potere della parola è immenso. Anche le parole possono uccidere. Possono uccidere le persone. Possono uccidere la letteratura. Usiamole con cura sia nel parlare e sia nello scriverle.

“Un generale lancia l’ordine d’attacco gridando: «Fuoco!» e in pochi minuti non rimane più niente di quella che era una magnifica città. Egli non ha fatto niente, ha solo pronunciato una parola, ma che potenza era contenuta in quella parola! Oppure, un uomo – o una donna – che conta molto su voi, ma i cui veri sentimenti non conoscete ancora, vi dice o vi scrive un giorno queste semplici parole: «Ti amo», ed ecco improvvisamente la vostra vita illuminarsi!

 

 

Voi sapete che il suono e il modo in cui si esprime una parola o una frase hanno una grande importanza; essi possono, con le loro vibrazioni, avere una conseguenza sul loro destinatario, ma possono anche rassicurare, consolare e calmare. Anche il tono della voce è importante tanto quanto la parola che pronunciate.

Il suono conduce una notevole vibrazione. Anche il nostro canale trasmette la vibrazione «suono», che permette di determinare delle relazioni serene e di offrire, con la parola e il modo di esprimerla, molto più Amore, serenità, gioia e pace.

Tutto ciò è importante poiché, quando siete troppo stressati, anche le vostre parole ne risentono ed emettete, spesso involontariamente, un’energia distruttrice che può quindi.

Più cercherete di comprendere gli altri senza giudizio o apprezzamento, più li aiuterete e così aiuterete voi stessi.

La scelta delle parole che utilizzate è importante! Non siate precipitosi nell’esprimere il vostro pensiero! Non siate precipitosi nello scrivere le parole, a volte si impegano giorni per trovare la parola giusta. La parola è portatrice ma può anche essere devastante; quindi imparate la saggezza del termine, della parola e del suono, in ciò che dite mettete quanto più Amore possibile.

Fate attenzione, ascoltate voi stessi, ascoltate la vostra coscienza.

Naturalmente all’inizio sarà un po’ difficile, ma in seguito diventerà tutto più semplice e più facile. Vigilate e osservate le piccole cose, i dettagli; sicuramente lo siete per le cose importanti, perché in quel momento fate attenzione al vostro comportamento, a ciò che siete e anche alle vostre parole ma, nelle piccole cose, perdete la vostra attenzione e il vostro controllo.

È necessario che siate consapevoli di ciò che siete dell’effetto che potete avere su i vostri pensieri e le vostre parole, e anche di ciò che siete.

Il fascino delle parole è stato ben descritto in un libro recente di Alberto ManguelThe City of Words”. Il grande scrittore di origine argentina, ma vero cittadino intellettuale libero del mondo, cerca di dare delle plausibili risposte ad antichi interrogativi come: “In che modo la lingua caratterizza la nostra immaginazione del mondo? Come le storie fatte di parole ci aiutano a percepire noi stessi e gli altri? Le storie fatte di parole danno una identità alla società? Questa identità è vera o falsa? Le storie e le parole possono aiutarci a cambiare noi stessi e il mondo?”.

Interrogativi decisivi che sfidano la nostra intelligenza e ci invitano a riflettere su come usare al meglio le parole e le storie che leggiamo e scriviamo ogni giorno.

La parola è potere.

Un abbraccio.

…a mia figlia Miriam con infinito amore…vito ditaranto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...