“Dolce vendetta” di Alexandra Maio, self publishing. A cura di Vito Ditaranto

  LONDRA 1820. Attraverso una lucida e approfondita analisi l’autrice mette in evidenza la macroscopica schizofrenia tra realtà e fantasia. Ambientato nel 1820 con un duca che diviene spesso grande e grosso come Hulk della Marvel. Il suo cavallo si chiama Porche, il suo valletto si chiama Brad Pitt, agli ospiti vengono offerte merendine del … Leggi tutto “Dolce vendetta” di Alexandra Maio, self publishing. A cura di Vito Ditaranto