cover.jpg

 

Sono davvero contenta di non piangere, perché mi dispiacerebbe immensamente se quello che sto per dire fosse ottenebrato dall’emozione. Non mi sta bene che tu ti accampi fuori dalla mia porta perché la tua fidanzata ha dei ripensamenti su di te. Io non sono la seconda scelta di nessuno e neppure sono il tuo premio di consolazione. Hai capito?

 

 

A trentasette anni, Amelia Lockwood, irlandese di Dublino, produttrice di una popolare soap opera, ha tutte le carte in regola per essere felice: è una donna attraente, ha un lavoro gratificante, una bella casa, tre fantastiche amiche. Conosce tante persone e conduce una vita indipendente che molti le invidiano. Che cosa potrebbe volere ancora? 

Sarebbe tutto perfetto, se non fosse che le manca ciò a cui tiene più di qualunque altra cosa al mondo: un marito. Fin da ragazzina, Amelia sogna di sposarsi e avere una famiglia. Ma fino a oggi i suoi rapporti con gli uomini sono stati un disastro. E ora, alle soglie dei quarant’anni, pensa con terrore all’idea di rimanere sola per il resto della vita.

Perciò, un po’ per gioco e un po’ confidando nel destino, Amelia decide di iscriversi a un corso che promette alle donne sopra i trentacinque di trovare marito entro un anno. A una condizione; che siano preparate a tutto, anche a cambiare totalmente stile di vita e modo di pensare. Perché trovare marito non è cosa da poco, è un impegno che richiede forza di volontà, perseveranza e sacrifici.

E non è detto che l’uomo giusto assomigli al principe azzurro dei sogni… come ha messo bene in chiaro fin dalla prima lezione l’elegante e risoluta insegnante di Amelia. Il principio fondamentale del corso consiste nel ricontattare tutti i precedenti fidanzati per capire quali errori sono stati commessi e correggere il proprio modo di avvicinare gli uomini. E così Amelia si ritrova a malincuore a incontrare tutti gli amori della sua vita, dai sedici anni in su, con risultati esilaranti e, a dir poco, sorprendenti…

Questo libro è un concentrato di ironia, situazioni divertenti e imbarazzanti, ma anche un inno all’amicizia e alla ricerca dell’amore.

La Carroll ha scritto un piccolo libro che ricorda molto “La verità è che non gli piaci abbastanza”, ma anche molti libri della Kinsella e, si sa che questi libricini non deludono mai.

Scritto in maniera lineare e divertente, cattura il lettore sin dalle prime pagine e non si possono non amare tutti i personaggi che vengono descritti. Okay, forse qualcuno di odioso viene presentato, ma per il resto non si riesce a staccarsi da loro. Vorrei anche io degli amici così.

L’unica pecca?

Il finale che lascia un po’ in sospeso per me, anche se credo che non ci sarà un seguito. Avrei preferito un piccolo colpo di scena (si, so che ce ne sono tanti), ma va bene anche così

 

Annunci