austen.jpg

 

 

Per quello che mi riguarda, se un libro è ben scritto, lo trovo sempre troppo

Jane Austen

 

Quella di oggi è una recensione doppia a riguardo di una scrittrice impeccabile che conosciamo tutti Jane Austen. Il saggio in primis è di Diego Saglia docente di Letteratura Inglese dell’Università di Parma. Ora mi domanderete se c’era bisogno di un ennesimo saggio su Jane Austen e per di più scritto da un italiano.

Sì. La Carocci propone un saggio Leggere Austen nella collana Bussole. Il saggio esplica in maniera precisa la produzione narrativa della Austen, inoltre oltre ad una esauriente biografia vi è un capitolo che spiega il contesto storico sociale in cui ha vissuto la scrittrice. Interessante il capitolo Universo Austen dove scopriamo come la scrittrice inglese abbia influenzato scrittori e registi contemporanei. Il giudizio di questo saggio breve di 137 pagine non può che essere positivo. Un saggio per gli studenti universitari ma una vera chicca per i Janeities gli amanti di Jane Austen perché comunque il linguaggio usato è lineare e accessibile a tutti. Le trame dei romanzi possono essere utili per capirne la complessità narrativa di Jane Austen e accompagnare il lettore alla scoperta di questa scrittrice che rimane nei cuori di molte persone.

Evelyn invece pubblicato da Rogas edizioni è un delizioso racconto comico-grottesco che fa parte della Juvenilia. La traduzione accurata e l’introduzione di Adalgisa Marrocco mostrano una cura dell’opera proposta. Gli elementi paratestuali sono curati dettagliatamente. Un confronto dell’opera Evelyn con altre opere maggiori pubblicate all’epoca di Jane Austen, una spiegazione sul significato dell’opera rendendola non solo accessibile a qualsiasi lettore ma soprattutto la pubblicazione di un manoscritto accantonato all’inizio della ventunesima pagina da Jane Austen e completato dapprima da James Edward Austen-Leigh, figlio del fratello maggiore della scrittrice James Austen. Un ulteriore seguito fu composto da Anna Austen, figlia di primo letto di James Austen.

Cosa hanno in comune questi due libri? Sicuramente l’attenzione ai particolari e un rispetto per le opere minori della scrittrice. La Carocci e Rogas Edizioni hanno saputo stupire e consiglio vivamente questi libri se siete dei Janeities. Sarà la vostra lettura un momento piacevole.

Buona lettura

Annunci