“Cuore indiano” di Monica Maratta, LFA Pubblisher. A cura di Ilaria Grossi

 

Jamestown 1682.

“Finora ho solo creduto di vivere, la mia esistenza è sempre stata quella di una marionetta guidata con sapienza dalle mani di mio padre “.

Eleanor è cresciuta con la convinzione che gli indiani fossero solo un popolo selvaggio e invece la notte in cui avvenne l’ aggressione e il rapimento di Eleanor da parte dell’ indiano Aldahy, cambiò notevolmente la sua visione della vita, della comunità indiana e scoprirà finalmente l’ amore.

È un amore selvaggio nato dall’odio e dalla vendetta di Aldahy per tutto l’ atroce dolore subito a causa dei coloni, un Amore che fiorirà’ con tutta la forza e l’ intensità del vero Amore: passione, protezione e rispetto reciproco.

Eleanor e Aldahy divisi dalla cattiveria e presunzione della società inglese. Eleanor e un figlio, frutto del loro Amore, da nascondere e celare agli occhi del mondo come qualcosa da disprezzare.

Eleanor riuscirà davvero a sopportare il peso di una bugia così grande e soprattutto contro natura? Far finta che Edward è solo un trovatello, negargli gli abbracci e le parole confortanti di una mamma. Difficile sarà accettare il suo matrimonio con Mr. Bennet, un matrimonio di convenienza per assicurare un futuro ad Edward.

” Non sarò una moglie ostile, ma al momento non posso assicurargli il mio cuore” .

Un matrimonio nato su bugie e compromessi è un matrimonio infelice ed Eleanor lo capirà sulla sua pelle, la felicità è solo racchiusa in Aldahy e il suo ritorno in Virginia. Commovente e liberatorio, l’ abbraccio della mamma di Eleanor

” Il tuo cuore e’ sempre stato puro. Non avresti mai potuto vivere senza amore, come ho fatto io”…” Il mio è un cuore indiano, cara madre “.

Lo stile di Monica Maratta affascina con semplicità disarmante, leggere il suo romanzo mi ha proiettato nell’Inghilterra del 1682 ,

l’ uomo bianco e il suo razzismo“, il profondo odio nei confronti di una comunità definita ” selvaggia e senza Dio “, un odio trasformatosi in atroci delitti e vittime innocenti.

Una piacevole lettura, complimenti.

Buona lettura Ilaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...