Immagine ispirata al concorso di Grafèin.jpg

 

Catanzaro, 16 giugno 2017 – Decretati i dieci vincitori di “Sognando a Doremì”, il concorso letterario nazionale promosso e organizzato dall’agenzia editoriale Grafèin diretta da Laura Montuoro. Una giuria di esperti ha individuato i dieci racconti da premiare, ispirati al regno immaginario della musica chiamato “Doremì”, un mondo di avventure con protagonista un bambino di nome Milo, personaggio di fantasia al centro di ogni singola storia. I testi selezionati, racconti brevi destinati a un pubblico di lettrici e lettori dai tre ai sei anni di età, verranno raccolti in un’antologia che sarà pubblicata dalla casa editrice Apollo Edizioni.

Questi i nomi dei vincitori indicati in ordine alfabetico e pubblicati anche sul sito di Grafèin, www.grafein.net:  Stellario Capillo, Angelo Ettore Colombo, Aurora De Barberis, Cristina Donnini, Elisa Gastaldon, Luigi Giampetraglia, Cristina Giuntini, Maria Cristina Pisanelli, Giovanni Ruggiero e Irene Schiavetti.

I racconti sono stati valutati sulla base di quattro criteri: attinenza al tema, adeguatezza al pubblico di destinazione, originalità e creatività, chiarezza ed efficacia nell’esposizione.

Questa la giuria: Eleonora Fossella, libraia; Eliana Iorfida, seconda classificata al premio letterario Rai “La Giara” edizione 2013; Valentina Isabella, esperta di “Philosophy for children”; Antonietta Meringola, editrice della Apollo Edizioni; Lorena Stratoti, maestra di scuola primaria.

“Ci congratuliamo con i vincitori e non manchiamo, certo, di ringraziare anche il resto dei partecipanti, le cui opere sono state lette con grande piacere”,

 

dichiara Laura Montuoro, direttrice dell’agenzia editoriale Grafèin.

Foto 2 di Laura Laura Montuoro, direttrice di Grafèin.jpg

 

“Siamo felici – prosegue – di avere raccolto una larga fetta di adesioni alla nostra iniziativa, il cui punto di arrivo, la pubblicazione di un’antologia illustrata per bambini, diventerà ancora un volta occasione per dare voce ad autori emergenti in linea con la mission della nostra agenzia editoriale”.

“Gli autori vincitori del concorso – sottolinea ancora Laura Montuoro –  hanno tanto da raccontare e da offrire a quello che, in questo caso specifico, sarà un giovanissimo pubblico di lettori”.

“A proposito di giovani – continua la direttrice di Grafèin -, non è mancata la partecipazione di studenti la cui minore età ha determinato, come da bando, l’adesione al di fuori del contesto di gara. A loro rivolgiamo comunque un plauso per la voglia che hanno avuto di cimentarsi nella scrittura creativa seguiti dai propri docenti: si tratta di Erika, Gabriele, Giulia, Rosa Pia, Serafino, Veronica e Vincenza della quinta classe primaria di Cerva, dell’istituto comprensivo “Corrado Alvaro” di Petronà, in provincia di Catanzaro”.

“La partecipazione dei giovani a questo genere di progetti è importante”, afferma ancora Montuoro. “Ecco perché – conclude – abbiamo già in programma un’iniziativa simile rivolta alle scuole e con il coinvolgimento diretto dei bambini”.

Foto 1 di Laura Montuoro, direttrice Grafèin.jpeg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

Francesco Ciampa, giornalista addetto stampa free lance

Telefono: 338.9988070

Pagina Facebook dell’agenzia di servizi editoriali Grafèin: https://www.facebook.com/agenzia.grafein/?fref=ts

Sito web di Grafèin: https://www.grafein.net/

E-mail Grafèin: agenzia.grafein@gmail.com

About us

 

Logo Grafèin.png

L’agenzia editoriale Grafèin nasce non solo con l’intento di offrire dei servizi specifici (consultabili sul sito http://www.grafein.net) per gli autori alle prese con il proprio inedito letterario e con la voglia di pensare ad una pubblicazione dell’opera, ma vuole creare un rapporto sinergico tra autori e case editrici, fungendo da “mediazione” tra essi.

Grafèin nasce dal rispetto per la sensibilità con cui ciascun autore ha costruito la propria storia; dalla voglia e dalla passione con cui ci prendiamo cura a tutto tondo degli scritti che giungono in redazione anche solo per una prima valutazione.

La nostra professione è paragonabile ad una sorta di “missione”, che diventa bisogno di dare voce all’unicità con cui gli autori esprimono il proprio microcosmo tra le righe.

 

 

Annunci