Copertina del romanzo _Il ragazzo in ritardo_.jpg

 

Grafèin ha creduto sin dall’inizio nella validità dell’opera, promuovendola nell’ambito della propria attività di mediazione editoriale. Il valore della diversità e l’elogio della lentezza in una società veloce sono alcuni dei temi-chiave di questo romanzo fantasy.

 
Logo Grafèin.png

 

 

 

Catanzaro, 13 luglio 2017 – La diversità come risorsa, il valore della lentezza in una società frettolosa, la ricerca della consapevolezza oltre i pregiudizi e le etichette. Si tratta di alcuni dei temi al centro del romanzo “Il ragazzo in ritardo”, di Pierlugi Cuccitto, Edizioni Tabula Fati. Soddisfatta per la pubblicazione del libro, appena uscito, l’agenzia di servizi editoriali “Grafèin”, che ha creduto nella validità dell’opera promuovendola con la sua attività di mediazione editoriale.

 

Il romanzo appartiene al genere fantasy: la storia è infatti ambientata in un luogo immaginario, la terra di Nandèra, che però è molto simile  all’Italia del XX secolo. Il protagonista, Charles Penguin, rievoca a distanza di anni i momenti più significativi della propria infanzia: la compagnia dei cugini durante le estati a Maggioborgo, il rapporto con la giovane madre, che lo sostiene e lo incoraggia a fronteggiare le difficoltà, la morte dello zio destinata a segnare il futuro della famiglia.

Attraverso i ricordi, l’uomo, divenuto padre e scrittore, ripercorre la propria esistenza e gli ostacoli, legati alla sua fisicità, che ha dovuto superare per trovare la propria strada e realizzare se stesso.

 

Consapevole della propria diversità, il protagonista arriverà a comprenderne il valore positivo. Il suo essere “storto” e perennemente “in ritardo” lo porterà, infatti, ad apprezzare il risvolto della medaglia opponendosi a una società che ha nella velocità la sua cifra.

 

La direttrice di Grafèin, Laura Montuoro, dichiara:

 

Foto di Laura Montuoro, direttrice Grafèin

 

 

“Siamo molto soddisfatti del traguardo raggiunto dal nostro autore, Pierluigi Cuccitto. L’aver ottenuto un’importante opportunità editoriale per la sua opera Il ragazzo in ritardo con il Gruppo Tabula fati è per noi una conferma della validità di un romanzo che, muovendosi sulla linea del fantasy, riesce a raccontare realtà e tematiche sempre vive e attuali. Il tutto condotto da Cuccitto con uno stile  fresco e avvincente, che abbiamo salvaguardato in toto, nel rispetto dell’espressività propria dell’autore per noi priorità indispensabile”.

 

 

L’autore. 

 

Foto di Pierluigi Cuccitto.jpg

 

Pierluigi Cuccitto nasce a Urbino trentasei anni fa e vive a Pesaro, una laurea in Beni culturali e Ricerca storica e una passione per il fantasy maturata sin dall’età di otto anni. Nel 2005 inizia a scrivere brevi racconti e nel 2013 il suo primo romanzo, un piccolo romanzo fantasy dal titolo “Lo speccio è oltre”, pubblicato dalla Sigismundus Editrice.

 

“I libri e io – è la frase di Cuccitto riportata su http://www.grafein.net – abbiamo una lunga frequentazione alle spalle, e da qualche anno ho deciso di contribuire anche io alla struttura di questo mondo, avventurandomi nello strano universo del fantasy, alla ricerca di una casa dell’anima. Perché il fantasy è questo: un viaggio alla ricerca di una casa”.

 

 

—————————————————————-

 

Per ulteriori informazioni:

 

Francesco Ciampa, giornalista addetto stampa free lance

Telefono: 338.9988070

Pagina Facebook dell’agenzia di servizi editoriali Grafèin: https://www.facebook.com/agenzia.grafein/?fref=ts

Sito web di Grafèin: https://www.grafein.net/

E-mail Grafèin: agenzia.grafein@gmail.com

 

———————————————————-

 

About us

 

L’agenzia editoriale Grafèin nasce non solo con l’intento di offrire dei servizi specifici (consultabili sul sito http://www.grafein.net) per gli autori alle prese con il proprio inedito letterario e con la voglia di pensare ad una pubblicazione dell’opera, ma vuole creare un rapporto sinergico tra autori e case editrici, fungendo da “mediazione” tra essi.

Grafèin nasce dal rispetto per la sensibilità con cui ciascun autore ha costruito la propria storia; dalla voglia e dalla passione con cui ci prendiamo cura a tutto tondo degli scritti che giungono in redazione anche solo per una prima valutazione.

La nostra professione è paragonabile ad una sorta di “missione”, che diventa bisogno di dare voce all’unicità con cui gli autori esprimono il proprio microcosmo tra le righe.

 

 

 

Annunci