falliti.jpg

 

Chi sono i Falliti ?

Quando per la prima volta ho guardato la cover di questo libro è stata la prima domanda che mi sono posta. Si tratta di una raccolta di racconti, legati da un visibile e sottile filo che lo scrittore con estrema bravura, come un abile “chirurgo”, è riuscito a tenere assieme, ricucendoli e ciascun racconto è un microromanzo perfettamente riuscito e di cui il lettore ne resterà particolarmente colpito.

Ogni racconto, racchiude un piccolo mondo, un pezzo di vita, un fallimento personale o lavorativo, il non sentirsi all’altezza,“arrendersi” come unica alternativa e non c’è cosa più triste. I fallimenti, a volte, possono condurre gradualmente al successo, come? Andare avanti e rialzarsi sempre. Siamo complicati, ne siamo fin troppo consapevoli, ognuno con piccoli o grandi drammi, con debolezze e paure, ciò non significa essere dei“falliti”. Il vero fallimento è non concedersi una seconda, terza o quante possibilità siamo in grado di concederci. Nulla impedisce di rimediare ai nostri errori, commiserarsi? No. E’ la commiserazione, il vero veleno dei nostri giorni. Mi sono piaciuti, particolarmente due racconti “Nido di vespa” e “269”, quali saranno i vostri preferiti?

Lo stile di Vito Maselli è fresco, diretto, con una scrittura cristallina e interessante, in grado di mantenere alta l’attenzione del lettore. E vi assicuro che è davvero un bel traguardo. Dunque, senza troppi giri di parole, vi invito a leggere “Falliti” e vi garantisco una piacevole lettura. Complimenti Vito , continua così.

 

A volte le storie reclamano con tanta insistenza di essere raccontate che si finisce per scriverle solo per farle tacere”

 

Buona lettura

 

 (fonte, Reviews Rose blog)

 

Annunci