Release party di “Estremo Inganno” di Cristina Vichi. Recensione a cura di Milena Mannini, introduzione a cura di Micheli Alessandra

 

Alla scoperta dell’autrice

Cristina Vichi è una di quelle autrici che attraversano il panorama letterario con una camminata lieve, eppure capace di lasciare tracce visibili lungo il percorso. E il percorso che porta una giovane autrice a divenire Scrittrici è lungo e tortuoso. Ha bisogno di nutrirsi costantemente di sogni e di vita reale, sublimandoli con la appassionata luce di una fantasia attiva e fervida. Deve poter impadronirsi come una ladra nella notte, di ogni tecnica letteraria, strappandola ai tomi del classico, ai libri eterni che sono pietre d’angolo delle costruzioni imponenti che creano la cultura letteraria vera, faro in un costante buio culturale. Deve scavare in fondo al pozzo della tradizione, pescarne i temi e rielaborali con la propria personale percezione. E darsi al pubblico, sapendo che una volta scritto il libro non è più la sua creatura ma diventa la creatura di ogni lettore che lo arricchisce con la sua visione. Ecco cosa significa davvero scrivere.

La vichi ha tutto questo e anche di più.

Per lei la tradizione non è un qualcosa da imparare, ma nasce da una musa che letteralmente si impossessa di lei, usandola come mezzo per dare al mondo la sua bellezza, la sua saggezza e una retaggio antico, che, viene costantemente rinnovato dalla curiosità anomala di questa giovane e da una capacità inconsueta di lasciarsi possedere. La Vichi crea senza sapere di creare. È legame tre noi e quel numinoso mondo in cui ogni tema, ogni genere, ogni scritto torna ad abbeverarsi. Ella è la viaggiatrice tra i due mondi, il magico e il reale come se fosse naturale e normale avere una doppia identità, un accesso privilegiato al mondo particolare dell’ispirazione. I temi tanto cari al genere letterario, a ogni genere, si nascondono, infatti, in una dimensione artistica che si colloca tra due realtà quella del pensiero e quella della forma. La Vichi è capace, inconsciamente anche, di passare da uno stato all’altro, senza perdere freschezza e una dose necessaria di umile incoscienza.

I libri raccontano con mano delicata dei temi molto profondi rendendoli intellegibili al pubblico, come Tander che ci narra la rottura del tabù che necessariamente separa il mondo umano da quello sovrannaturale, ma anche delle regole ferree che dividono bene e male, che separano i diversi ponendo l’ideologia come vincolo di appartenenza rigido che separa gli umani racchiudendoli in categorie. In E se poi te ne penti, racconta in modo semplice ma mai semplicistico il famigerato effetto farfalla, dove

 

ogni singola azione, ogni scelta può determinare eventi imprevedibili nel futuro. Cosi come avviene alla protagonista del libro, che rifiutando, o alternativamente accettando un semplice invito a un aperitivo, determinerà tre scenari diversi.

 

E in questa sua nuova prova ci racconterà la sua visione della vendetta, un sentimento negativo sicuramente ma che fa da substrato alla nostra storia umana.

Come ce lo racconterà?

Quale innovazione questa piccola guerriera apporterà?

Milena Mannini ci invita a scoprirlo, accennando, seducendo con poche parole la stuzzicante curiosità del lettore attento e anche di quello distratto.

Da parte mia vi sussurro una piccola verità: Cristina non è una semplice autrice. Ma un’abile maga, una tessitrice di eventi e di emozioni, per nulla dissimile da quelle lontane parche che filavano i nostri destini. Magari lei il destino lo lascia stare, però vi assicuro che il suo incanto si rivolge alla mente. E grazie a questo, forse riusciremo a dare un diverso senso a noi stessi e alla realtà in cui siamo costantemente immersi.

Buona lettura

 

 

Estremo inganno. Che gloria c’è nella vendetta?

 

 

ESTREMO INGANNO cover EBOOK def.jpg

 

 

l paradosso del sentimento di vendetta è che ti rende dipendente da chi ti ha fatto del male, facendoti credere che ti libererai dal dolore solo quando farai soffrire i tuoi persecutori.
(Laura Hillenbrand)

 

Sentiamo spesso parlare di fatti di cronaca più o meno efferati perpetrati in nome dalla vendetta, in questo fantasy la scrittrice usa questo sentimento per narrare una storia che intreccia i giorni nostri al 1717.

Katherine, una giovane strega, che scova nella nostra era una ragazza, da usare come mezzo perfetto per attuare la sua vendetta verso tutti quelli che nella sua epoca hanno osato farla soffrire.

Kessy, che si trova catapultata in un’epoca che non le appartiene e dopo uno smarrimento iniziale, comincia a lottare per tornare alla sua vita e lo farà sfruttando quello che è stata la sua disgrazia, la somiglianza perfetta con la strega.

 

«Riavrò la mia vita», disse sbattendo il pugno contro la parete di pietra. Tirò su col naso e ricacciò indietro le lacrime.

 

Ad aiutarla Don Jasper, un prete che conosce bene Katherine e la sua famiglia.

 

«Ciò che sto per raccontarvi vi sembrerà assurdo». Non trattenne un sospiro. «Ma devo parlarne con qualcuno e mi fido solo di voi».

 

Dopo un comprensibile sbigottimento, il prete si rende conto di avere davanti una giovane innocente

 

l’animo di una persona influiva sulla bellezza del corpo. Da quando aveva conosciuto Kassy, il volto di Katherine gli era sembrato più dolce; in quel momento, il viso di Kassy, seppur bello, era oscurato dall’animo perfido di Katherine.

 

Decide così di aiutarla a tornare nel suo tempo.

Ma tutti hanno un punto debole anche i più perfidi, e facendo leva su questo la giovane Kessy affronta la sua nemica

 

«Carolyn è l’unica persona a cui tenga». «Più di te stessa?». «Credo di sì». Kassy era colpita dal nuovo volto della Regina Rossa; la compassione per la sorella le dava un’aria più umana.

 

Chi vincerà la sfida? Kessy tornerà nella sua epoca oppure Katherine avrà la sua vendetta?

Il libro è un susseguirsi di avvenimenti con un incalzare di emozione che tengono il lettore in perenne allerta per non perdersi nemmeno una sfumatura.

Nonostante non sia un libro lunghissimo, l’autrice non tralascia nulla. Descrizioni, sentimenti e fatti narrati sono espressi con maestria e semplicità senza mai annoiare.

Buona lettura a voi

Milena

 

 

 

Scheda del libro

 

Titolo: Estremo inganno

Autore: Cristina Vichi

Genere: Dark Fantasy, Paranormal.

Editore: Selfpublishing

Pagine: 162

Prezzo Ebook: € 2,99 Aderisce al Kindle Unlimited

Prezzo Cartaceo: € 8,00

Pubblicazione: 01/10/2017

Link di acquisto: eSTREmo inGAnno

 

Trama

Nel 1717 una giovane sventurata bruciò viva sul rogo, accusata di stregoneria. Quella drammatica storia fu tramandata nei secoli e il luogo della tragedia prese il nome di Katherine’s City, in memoria della ragazza.

Kassy, diciassettenne del 2017, per strane e oscure ragioni si ritrova a vivere in prima persona la storia di Katherine, la Regina Rossa, scoprendo sulla propria pelle verità dimenticate, segreti inconfessabili e terribili maledizioni.

In un susseguirsi di scoperte sempre più inquietanti, l’angoscia di Kassy raggiunge l’apice quando capisce che la Regina Rossa non le ha rubato solo il corpo, lei vuole anche la sua anima, lei vuole scambiare i loro destini.

Chi brucerà sul rogo in quel terribile 17 ottobre 1717?

 

 

Biografia

Cristina Vichi vive a Riccione, insieme al marito e tre figli.

Ha sempre amato molto inventare storie, ma dopo la stesura del primo romanzo la scrittura diventa una passione vera e propria. L’incontro con la Editor Emanuela Navone è illuminante, perché le permette di sperimentare l’universo della scrittura con maggior consapevolezza e nuovi stimoli.

 

Quando si conclude un romanzo non conta solo il risultato in sé, ma soprattutto il percorso che l’autore ha compiuto per arrivare a mettere la parola fine alla sua opera.

 

Di seguito le sue opere:

“Celeste: L’Ardore di una Donna” (Seconda edizione: 24/07/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e prequel di “Celeste: La Forza di una Regina”.

“Destini Ingannati” (Seconda edizione: 06/01/2017). Romance/Mistery autoconclusivo.

“Celeste: La Forza di una Regina” (10/08/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e sequel di “Celeste: L’Ardore di una Donna”.

“E se poi te ne penti?!” (01/12/2016). Romance/Humor, autoconclusivo.

“Tander: Dentro di noi l’energia dei Fulmini” (20/05/2017). Urban/Fantasy autoconclusivo.

Blog Autore: Cristina Vichi Blog

Pagina Facebook: Cristina Vichi Autrice

Un pensiero su “Release party di “Estremo Inganno” di Cristina Vichi. Recensione a cura di Milena Mannini, introduzione a cura di Micheli Alessandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...