“Sola sull’oceano” di Mary Higgins Clark, Sperling & Kupfer. A cura di Vito Ditaranto

 

“…La magnifica nave da crociera Queen Charlotte stava per lasciare l’ormeggio sul fiume Hudson per intraprendere il suo viaggio inaugurale. Pubblicizzata come una delle navi da crociera più belle mai realizzate, era stata paragonata alla Queen Mary e persino al Titanic, che aveva rappresentato l’apice del lusso cento anni prima. Uno dopo l’altro i passeggeri salivano, si registravano e venivano invitati ad accomodarsi nel Grand Lounge, dove camerieri in guanti bianchi li accoglievano offrendo champagne. Quando anche l’ultimo ospite fu a bordo, il capitano Fairfax tenne un discorso di benvenuto.«Vi assicuriamo che questo sarà il viaggio più confortevole che abbiate fatto o potrete fare»,…”

 

 

Alvirah e Willy Meehan, dopo una vincita alla lotteria festeggiano il loro quarantacinquesimo anniversario di matrimonio con una crociera di gran lusso: il viaggio inaugurale della Queen Charlotte, che da New York li porterà a Southampton in Gran Bretagna. A bordo c’è anche Lady Emily Haywood, una ricca e anziana signora nota per la sua collezione di gioielli e soprattutto per la sua inestimabile collana di smeraldi che si ritiene sia appartenuta a Cleopatra: la leggenda dice che la collana è maledetta, e chi la porta in mare non vivrà abbastanza per tornare a riva. Quando Lady Emily cade vittima della maledizione, il fiuto dei Meehan si mette al lavoro per trovare il vero colpevole.

Un luogo che si rivela una trappola mortale, che ricorda nella trama, “Assassinio sull’Orient Express” di Agatha Christie, e che nella descrizione delle ambientazioni rivela similitudini con la storia del Titanic.

Un cadavere Lady Emily, che ricorda quello del signor Ratchett in “Assassinio sull’Orient Express.

Il libro è il giallo perfetto, in cui il meccanismo tipico delle più grandi opere del genere, un luogo “chiuso” e circoscritto, un cadavere, una manciata di possibili colpevoli e nessun aiuto esterno né per l’investigatore né per il lettore, costretti a contare esclusivamente sulla propria materia grigia per risolvere il mistero, raggiunge l’apice con uno stile raffinato, limpido, essenziale. L’ambiguità dei personaggi, l’ambientazione claustrofobica, l’azione serrata e avvincente culminano in uno scioglimento geniale e imprevedibile che lascia il lettore senza fiato, un finale nel quale una miriade di particolari e indizi senza senso si incastrano finalmente alla perfezione, dimostrando che l’impossibile può essere possibile.

Il racconto comunque, è leggero e mai annoia il lettore, nonostante sia un giallo, e si sviluppa in modo da creare suspense mano a mano che si raccolgono indizi e si svolgono gli eventi.

È una lettura veloce e dinamica, grazie ai capitoli brevi che, muovendosi da un punto di vista all’altro, permettono di costruire una trama completa e di leggere come se si stessero ascoltando le conversazioni di chi si trovava sulla nave; quindi, come da copione dei comuni gialli, il ritmo risulta abbastanza scorrevole, e si lascia leggere con assoluta tranquillità frequenti sono i segni di punteggiatura, che inframezzano i periodi, si rivela un testo ingegnoso e notevolmente acuto.

Il racconto di “Sola sull’oceano”, attraverso le parole e le sensazioni dei protagonisti non annoia il lettore, non annoia attraverso le preoccupazioni di Alvirah, non annoia la tenacia di Meehan nel voler trovare a tutti i costi la soluzione dell’enigma, il racconto si evolve in un susseguirsi di emozioni.

Consiglio questo libro a tutti coloro che amano passare alcune ore leggendo un buon lavoro, un ottimo giallo, per gli amanti del genere e che amano le trame classiche tipo quelle di Agatha Christie.

 

Ora “Sorridi”. E quando avrai un momento di smarrimento o indecisione, fermati, aspetta e senti il tuo cuore.

…a mia figlia Miriam con infinito amore…vito ditaranto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...