“il profumo della tempesta” di Erielle Gaudì. A cura di Milena Mannini.

 

Ci sono persone nate per stare insieme, anche se appartengono a mondi differenti. Non è facile quando questo avviene, ma l’esplosione di sentimenti che si crea, anche se non sempre piacevoli, unisce queste persone in modo irrimediabile marchiando la loro anima e il cuore.

Questo è il secondo capitolo della trilogia dei profumi, in cui l’autrice racconta la storia d’amore tra il capitano Bradley Richard e Isabel. I due sono alle prese, con i sentimenti che li legano nati sotto una strana stella, Isabel, infatti, è stata venduta dal marito, un uomo senza scrupoli con il vizio del gioco d’azzardo.

Richard è però il capitano di una nave mercantile, così la nostra bella si ritrova a essere l’unica donna a bordo.

I nostri protagonisti sono sempre più attratti e coinvolti, ma i loro caratteri li portano spesso a scontrarsi, Lui abituato a comandare e ad avere ubbidienza, lei, una donna caduta in disgrazia, ma non per questo disposta a farsi calpestare, nemmeno da chi ama.

 

Odio e amore. Attrazione e repulsione. I sentimenti che quel miserabile le ispirava si agitavano dentro di lei dilaniandole l’anima.

 

I due continuano con le loro scaramucce quotidiane, che si annullano totalmente quando sono soli nella loro cabina.

Ma c’è qualcuno che trama nell’ombra, che si finge amico al solo scopo di ottemperare a quelli che sono gli ordini ricevuti dal vero padrone.

Così una notte Isabel viene aggredita, e non solo lei

 

Ci sarà un’altra occasione, si disse. Ormai è condannata. E quando il capitano tornerà a casa con un carico che vale la metà e una fortuna spesa per una schiava morta, sarà rovinato. Proprio come vogliono i suoi nemici. Sogghignò. Doveva essere terribile avere nemici così.

 

Improvvisamente Richard si rende conto che l’amore che prova per questa donna lo rende debole e mette in pericolo le persone cui vuole bene.

 

Non poteva andare avanti così. Ogni vita a bordo dipendeva da lui, dalla sua capacità di restare vigile, concentrato. La sua nave era tutta la sua vita. Come poteva  rischiare tutto ciò che aveva costruito in tanti anni per una donna? Un attimo di distrazione in mare voleva dire la sconfitta o la morte. Perché lei non lo capiva? Forse, in fin dei conti, non era la donna adatta a lui. Forse c’era un motivo se il marito l’aveva venduta…

 

La decisione è dolorosa, ma necessaria per tenere Isabel al sicuro e permettere a lui di scovare e punire il responsabile. Isabel capirà le intenzioni del bel capitano?

 

Per la prima volta si rendeva conto di quanto fosse importante quell’uomo per lei. Da quando l’aveva presa con sé si era sentita amata, desiderata, protetta. Rusty aveva ragione, il capitano era una roccia solida a cui appoggiarsi e adesso che le veniva meno, si sentiva sola e sperduta, e con un buco al posto del cuore.

 

Nonostante tutte le sofferenze emotive cui si sottopone Richard, Isabel si ritrova di nuovo alla mercé del marito che ha come unico scopo quello di ucciderla.

 

Non farti illusioni, lui è come tutti gli altri, ti ha abbandonata al tuo destino. Non verrà a salvarti. Nessuno verrà… a meno che non ti salvi da sola.

 

La forza delle donne però è imprevedibile e ora la nostra protagonista ha un motivo in più per combattere e sopravvivere, una nuova vita cresce in lei e anche se lontano dall’uomo che ama, non può fare altro che proteggere questa nuova vita.

 

Isabel si meravigliava di come quella piccola vita fosse riuscita a sopravvivere alle privazioni cui era stata sottoposta, ma ce l’aveva fatta, ed era tutto quel che contava.

 

Gli amori come quello che uniscono i due protagonisti però resistono al tempo e alle prove più dure, così dopo aver trovato il traditore, l’unico pensiero di Richard è di riunirsi a Isabel, di riconquistarla, ma basteranno le buone intenzioni per far capire quali sono i sentimenti che li legano.

Ero convinto di averti salvata allontanandoti da me, invece ti ho mandata incontro al disastro. Non riuscirò mai a perdonarmelo e non mi aspetto che lo faccia tu.

 

Molte cose sono cambiate, molte prove dovranno ancora essere superate. I nostri protagonisti riusciranno a proteggere il loro amore da chi trama nel buio per rovinarli?

Il romanzo coinvolge e convince, la lettura scorre veloce, ma non mancano intrighi e sentimenti.

Ogni personaggio è ben inserito nella storia, e tutti portano carattere e particolari alla narrazione.

 

Un pensiero su ““il profumo della tempesta” di Erielle Gaudì. A cura di Milena Mannini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...