2-Accademia_22122017-1.jpg

 

 

Miei cari gentilissimi lettori, il secondo volume della saga che il nostro “Claudio” ha messo in piedi, con dedizione e novizia di particolari, è una chiara e piacevole conferma di come non sempre siano necessari grandi azioni e grandi effetti speciali per rendere un libro intrigante ed entusiasmante.

Innanzitutto, leggendolo troverete in essere tante conferme importanti ma anche alcuni eventi spiacevoli che renderanno il nostro gruppo di amici (forestieri dell’Impero) sempre più coeso, sia tra loro ma soprattutto con il presente/passato che stanno vivendo.

Il libro inizia con la partenza, avente un doppio scopo, verso l’isola dell’Elba della coppia di “novelli sposi”: in primo luogo, andranno a conoscere il modo in cui l’Impero estrae un certo metallo, in modo tale da insegnare loro un sistema d’estrazione più sicuro e veloce. In secondo luogo, questo viaggio sarà per loro un vero e proprio viaggio di nozze ed un modo per unire i quattro in un modo ancor più indissolubile, anche dal punto di vista sessuale.

Di ritorno da questo loro viaggio, seppero dall’Imperatore Tiberio stesso, che aveva deciso di abdicare a favore del figlio Druso, creando un importante precedente ed avendo la conferma, che con le loro azioni, stavano realmente modificando , in positivo, la storia dell’Impero romano.

Ovviamente, non mancheranno le prime congiure nei confronti dell’Imperatore ma che le due coppie, insieme ai tre loro amici militari, risolveranno nel migliore dei modi, durante una seduta al Senato.

In maniera, decisamente, celere vennero avviate le prime riforme economiche, sociali e in materia di legislazione che i nostri amici avevano programmato.

“L’ambizione, se usata per il bene comune e non per vuota soddisfazione personale, è una grande forza e senza di essa vivremmo ancora in capanne di fango”.

Parallelamente a questa situazione, stava nascendo un bellissimo amore tra Druso ed una donna, dalle fattezze di una delle nostre eroine del futuro, che perse il marito in battaglia.

Ma sopratutto verrà istituito, da parte dell’Impero “L’Accademia”, ovvero una centro studi gestito dai nostri amici Senatori, dove verranno educate ed istruite le menti migliori dell’Urbe: il primo Centro Studi che il Mondo abbia mai avuto e capirete che una novità simile porterà benefici incalcolabili.

Trovare, conoscere, dominare!”

Successivamente, i nostri ragazzi, tra i lavori di creazione della loro Accademia ed il viaggio che effettueranno nelle loro terre native nordiche, si renderanno conto che quel tempo e quelle persone erano più evolute di quello che pensassero e che quindi le innovazioni che stavano apportando avrebbero avuto un impatto notevole per difendere l’Impero contro le invasioni barbariche che tutti voi conoscete.

“L’indomani sarebbe stato un giorno importante per la loro Accademia, tanto che un giorno, molti, molti anni dopo, avrebbero cominciato a parlarne come dell’Accademia degli Dei”.

Carpe diem…

E leggere rappresenta quell’attimo che vi può cambiare la vita, per sempre.

Annunci