36176292_1085259474961286_2381515582735384576_n.jpg

 

“La vettura è inondata di luce, una luce d’oro più calda e brillante di quante i due ragazzi abbiano mai visto prima. Davanti a loro si schiude Costantinopoli, la Nuova Roma, la capitale dell’impero, l’urbe dai tetti d’oro e dai palazzi di marmo, mollemente adagiata sul mare splendente.”

“Chi pensa che l’antichità sia noiosa forse non conosce le storie dei personaggi che l’hanno popolata”

Vanity Fair

Sinossi

Costantinopoli, VI secolo d.C. Nella sfavillante capitale dell’Impero romano d’Oriente, travagliata dagli scontri religiosi e dalla corruzione, i giovani Giustiniano e Teodora sembrano destinati a un’esistenza oscura. Lei è la bellissima figlia di un guardiano del Circo, e di mestiere fa l’attrice, barcamenandosi fra teatri e amanti ricchi e maneschi. Lui è il nipote del generale Giustino, un rozzo militare analfabeta che non riesce ad avere peso a corte.

Ma il destino ha altri piani per loro. Giustiniano, implicato in una serie di rivolte per rovesciare l’imperatore Anastasio, da consumato politico riesce a far salire al trono lo zio Giustino, diventando il più potente ministro dell’Impero. Teodora, invece, sfuggita alla vendetta di un governatore suo ex amante, diventa confidente del patriarca eretico di Alessandria e viene inviata come spia e mediatrice a Costantinopoli, proprio per contattare Giustiniano, alle prese con una complicata e pericolosa trattativa con il Papa.

Nella capitale di un impero che si estende dalla Persia al Mediterraneo, solo e unico erede di Roma, fra complotti, violenze, intrighi e tradimenti, ha inizio una travolgente storia d’amore e di potere sullo sfondo di una una delle epoche più complesse e misteriose della storia.

 

L’autore

Mariangela Galatea Vaglio (Trieste, 1972), insegnante e scrittrice di saggi e racconti storici, tra cui Didone, per esempio, Socrate, per esempio, oltre a una guida divulgativa della lingua italiana, L’italiano è bello (Sonzogno, 2017). Vive e lavora a Venezia.

 

Annunci