“X Segreto”, di Osvaldo Neirotti, edizioni il viandante. A cura di Vito Ditaranto.

 

La Realtà era stanca e senza allegria,camminava come un’antica vedova tra le strade di una città affollata fatta da volti distratti e distanti.Ma il giungere della primaveraDepositò ai confini della sua spiaggia l’Amore.”(“Il sentiero di Miriam”, di vito ditaranto).

 

 

La realtà è una maschera lambita dalla luce del sole, sino a divenire un ombra di colori.

 

“…Avete mai pensato di essere un’altra persona? Io no fino a un venerdì…”

egli si trova tra due mondi, il presente di una piccola realtà piemontese fatta di famiglia, società e l’immaginario dei racconti che spesso aiutano a scoprire verità, ma anche a nascondersi.

 

 

Il testo di Osvaldo Neirotti rappresenta una grande allegoria della società moderna dove una casta di pochi eletti ha il totale controllo sulla massa dei cittadini. Ogni personaggio indossa una maschera.

 

 

“…Non aveva volto, ma una maschera color avorio. La testa china sulle ginocchia come infreddolito, immobile nella sua solitudine. L’atmosfera gelida era attraversata da un filo di luce lunare che filtrava dalla piccola inferriata che si apriva nella parete. Tutto era immobile fino a quando la nera figura si alzò in piedi a osservare la luna dal piccolo rettangolo. Essa illuminava il suo viso, disegnava linee simili a un foglio di ceramica e rifletteva una luce chiara espansa dalle gocce d’acqua intrinseche nella fresca aria primaverile…”

 

 

Si racconta di maschere che influenzano la vita di 20 amici, una ribellione da se stessi, un racconto che parla al lettore di come trovare le proprie verità. Un romanzo in cui maghi, assassini, guerrieri, hanno sembianze umane potenziando l’effetto “vicende realmente vissute”. Il romanzo è il racconto della società attuale in veste fantasy, dove orchi, elfi, umani, gnomi e altre creature vivono in un limbo tra il bene e il male, il tutto strutturato come un gioco di carte, in pratica leggendo il libro si entra in uno stereotipato gioco di società.

La scrittura del libro a me è risultata sempre avvincente e scorrevole i personaggi ti entrano nel cuore grazie alla forte parte emotiva sia delle descrizioni che delle vicende in se.

Vi è poi il tema dell’amore ma dove devi sempre apparire e sembrare ”appetibile” ma dove non puoi essere mai te stesso o non emergerai mai.

Questo libro è tra i fantasy più coinvolgenti e che ho letto negli ultimi tempi.

Ho vissuto comunque molto piacevolmente questa lettura, soprattutto per un motivo, ho potuto ritrovare pienamente uno di quegli aspetti che alcuni considererebbero scandalosi dell’animo umano, ma che a me solleticano un qualche oscuro lato perverso della mia mentalità: il concetto di sfida verso il cambiamento dell’essere.

Il “X Segreto” è più profondo di quanto appaia a prima vista, tratta di ribellioni, alleanze, amori, amicizie, inganni.

Alcuni personaggi sono eccellentemente descritti, e l’autore ne fornisce da subito un ritratto pulito e ordinato, per quanto siano anche complessi e sia piuttosto difficile dar vita alle varie personalità del genere letterario, alcuni personaggi, risultano folli e contemporaneamente lucidi (binomio complesso e meraviglioso), altri invece spesso si perdono in un bicchier d’acqua, passando dall’essere personaggi memorabili a silhouette di personalità già abbondantemente descritte in altri romanzi, ma nel complesso tutti i personaggi hanno il loro perché.

Appena inizierete la lettura di questo testo, vi renderete conto, che ha inizio un gioco, un gioco crudele e spietato, uno contro tutti, ed anche lì vince chi sopravvive. Un esito incerto fino alla fine.

Lo stile è scorrevole e lineare. Il mondo creato dallo scrittore è semplice ma intrigante, niente strane parole o nuovi slang da sapere, tranne quello di familiarizzare co i nomi dei personaggi. Un mondo distopico “pulito”, ma che, proprio per questo ho adorato. E’ un libro di fantasia che ha una propria visione, una visione che a molti può sembrare distorta ma osservandola bene ha le caratteristiche del mondo reale.

In fondo bastano anche pochi elementi ma buoni per creare un ottimo libro!

Un romanzo adrenalinico, pieno di suspense con un esito incerto.

Mi vorrei soffermare solamente su un’ultima cosa, ovvero al fatto che ho trovato veramente bello questo libro. In fin dei conti è una lettura veramente piacevole.

Un piccolo tesoro d’inchiostro.

 

Ora “Sorridi”. E quando avrai un momento di smarrimento o indecisione, fermati, aspetta e senti il tuo cuore.a mia figlia Miriam con infinito amore…vito ditaranto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...