“L’arcano degli angeli” di Brunella Giovannini, Leucotea editore. A cura di Raffaella Francesca Carretto

“…ciò che è destinato ad essere unito, rimarrà unito per sempre…”

É questa una delle frasi che esprime appieno il senso di ciò che si respira durante la lettura de L’arcano degli angeli, o forse è la più pregnante perché ci mette nella condizione di analizzare e contestualizzare la storia che l’autrice Brunella Giovannini ha pensato e a cui ha dato forma attraverso delle descrizioni di eventi e situazioni che potrebbero essere reali, e per certi versi più che attuali, in quanto l’autrice ha rappresentato nella stesura del suo romanzo la moderna sfera sociale e famigliare, mostrata in modo realistico e attuale e in tutte le sue sfaccettature. Ma non è esclusivamente uno spaccato sociale quello che ci si mostra durante la lettura del libro, ma anche la rappresentazione di sentimenti, i più contrastanti, i più forti, e anche i più duri e dolorosi.

Il libro si apre come un racconto che percorre i tempi e ci proietta nel passato; inizialmente questo lascia destabilizzati, in quanto non ci si aspetta di leggere di eventi così lontani, ma che nel prosieguo della storia sono legati al presente di alcuni dei personaggi. É una storia di legàmi, ma anche tanto altro. Certo si tratta di una storia di fantasia nata dalla mente dell’autrice, che però ha creato un racconto che ha anche delle basi storiche, e in cui si osserva anche una ricerca di eventi e fatti e luoghi.

La storia ci fa conoscere luoghi bellissimi del nostro Paese, dalla provincia emiliana a quella campana, con le storie dei nostri personaggi le cui vicende si dipanano tra queste due regioni.

Personaggi ed eventi, sono ben caratterizzati, e questa loro rappresentazione e presentazione, anche di quelli del passato descritti in un primo capitolo così caratterizzante e caratterizzato dal punto di vista storico, sarà un mezzo importante e utile che ci trasporterà nel racconto stesso, che prende forma proprio grazie al ritrovamento di un oggetto di valore artistico e storico.

Si tratta di un candelabro, che poi si scoprirà essere un pezzo importante del patrimonio artistico trafugato durante le razzie dei nazisti.

Ma nel libro questo fa da filo conduttore che lega le varie storie e personaggi. Inoltre le situazioni raccontate in questo romanzo sono anche specchio di un mondo reale e attuale, in quanto fanno emergere condizioni che nella loro delicatezza e complessità possono rappresentare un quadro vivo e reale della nostra società.

Quindi tutto l’insieme dà modo di comprendere che dietro alla stesura del libro c’è, da parte dell’autrice, un importante studio non solo a livello storico e artistico ma anche sociologico, perché durante l’intero vissuto della storia emergono, importanti, i rapporti umani e le difficoltà connesse a queste interazioni. Questo romanzo lascia dei fermo immagine di uno spaccato sociale importante e dà modo di approcciarvisi con conseguenti riflessioni importanti. É quasi scoperchiare il vaso di Pandora, a ogni passo, in ogni capitolo della storia, emergono verità forti e dolorose. Ma c’è di base una storia d’amore, anzi molte storie d’amore, dell’amore più diverso, o meglio che si presenta in tante forme, le più disparate, ma sempre forte e sofferto: quello di una donna per un uomo, o di una madre per la figlia, l’amore della famiglia, l’affetto per un’amica fidata e cara che ti accoglie come una di famiglia. La famiglia assume un ruolo importante. Ma soprattutto è parte della storia anche un dono, qualcosa di misterioso, che può far paura se non lo si sa accogliere o comprendere; un arcano, un mistero che è legato a quella che qualcuno può definire arte divinatoria, ma che è una capacità di approcciarsi all’essere umano e alla sua sfera interiore, un dono forse misterioso ma che è dono di rivelazione.

Ma L’arcano degli angeli è anche un mistero legato a un oggetto sacro, il candelabro degli angeli, che come detto sarà filo conduttore della storia stessa, e che verrà svelato senza ambiguità, con semplicità e leggerezza durante la lettura del racconto.

SI DICE CHE OGNI OGGETTO HA UN’ANIMA, CHE RACCONTA UNA STORIA E DICE QUALCOSA SU CHI L’HA CREATO E CHI L’HA POSSEDUTO E UNA VOLTA DESTINATO IN UN LUOGO, SE SPOSTATO FARÀ DI TUTTO PER RITORNARCI

E per questo ho voglia di raccontarvi il libro, ma senza spoilerare in quanto lascio al lettore, che vorrà avvicinarsi a questa storia, il piacere di dedicare qualche ora del suo tempo alla conoscenza dei vari personaggi e delle loro vicende, parteggiando per l’uno o l’altro personaggio, ammiccando a una vicenda piuttosto che un’altra, odiando un tipo di individuo e la sua vita e il suo modo di agire, sperando in un finale di storia per alcuni di loro diverso da quello che andiamo a leggere; eppure, le tante storie che vengono raccontate hanno tutte il loro perché, e forse non avrebbero quel appeal se si risolvessero in modo diverso.

CIÒ CHE E ACCADUTO IN PASSATO, NON PUÒ OSTACOLARE IL FUTURO

OGNI CAMBIAMENTO DELLA NOSTRA VITA AVVIENE QUANDO SIAMO PRONTI AD ACCOGLIERLO

Ogni storia ha un suo significato, rappresenta un tipo di atteggiamento o approccio alle situazioni, un vissuto che può piacere o meno. Parliamo di storie che possiamo anche ritrovare attorno a noi, di amori difficili, sbagliati, di figlie amate tanto e figlie ripudiate, di invidie, di amicizie vere e profonde, di gratitudine, di dono..

OGNI DONO É UN ATTO D’AMORE

Questo libro è un viaggio di conoscenza, di scoperta, di incontri, di contrasti, di vite e di vissuti dai quali emergeranno inaspettate verità.

L’arcano degli angeli è un romanzo che racconta la storia di due sorelle gemelle separate alla nascita e date in adozione a due diverse famiglie. Ma per uno strano gioco del destino, le due sorelle si ritroveranno, a riconferma che “ciò che è destinato ad essere unito, rimarrà unito per sempre”

È una storia che si mette l’accento su argomenti più che attuali come la prostituzione minorile, la violenza sulle donne, i vizi che accompagnano la vita di alcuni uomini di potere o comunque di quello che si potrebbe definire successo, ma che alla fine è specchio di un impoverimento dell’anima e di sentimenti. Ma è anche una storia che racconta tanto altro.

Non manca certo l’alone di mistero, ma l’autrice ci accompagna nella scoperta di storie e personaggi tenendoci quasi per mano, dandoci un quadro di quelle che sono le caratteristiche di ogni personaggio in ciascun vissuto raccontato. Ameremo e vorremo essere come ciascun personaggio “buono” della storia, odieremo o comunque non prenderemo ad esempio quegli attori che del disprezzo dell’onestà e dell’opportunismo hanno fatto la loro ragione di essere. Non c’è ambiguità nei personaggi, c’è l’esempio da seguire e quello da aborrire, ma soprattutto c’è da analizzare la complessità delle figure presenti nel romanzo e focalizzare l’attenzione sulla sensibilità dei personaggi e sui buoni sentimenti che emergono dai protagonisti principali della storia, o potremmo anche dire delle storie, perché come già accennato sono più storie insieme, legate tra loro.

E, come accade in queste storie, analogamente anche noi nella nostra vita possiamo incontrare per caso nel nostro cammino delle persone, le incrociamo, ci interagiamo e talvolta cadiamo nella loro rete, non per ingenuità ma perché è la nostra sensibilità che ci fa esporre per come siamo, ci fa rapportare con queste persone come se le conoscessimo da sempre, esponendo il nostro lato più debole, per poi scoprire che non sono come noi, che vivono di ambiguità e cattiveria, pensando esclusivamente al loro tornaconto.

SPESSO CI RAPPORTIAMO CON GLI ALTRI PER COME SIAMO NOI STESSI, NON PER INGENUITÀ MA PERCHÈ SIAMO ANIME SENSIBILI E PURE, AL MONDO PERÒ ESISTONO PERSONE CHE SONO L’ESATTO CONTRARIO E IL DRAMMA, ACCADE QUANDO LE INCONTRIAMO SUL NOSTRO CAMMINO…

Il problema forse è che molti di noi hanno una sensibilità tale da arrivare a credere che gli altri siano uguali a noi, ma al mondo però ci sono persone così diverse da noi, l’esatto contrario e la parte più difficile è affrontare ciò che accade dopo che le abbiamo incontrate sulla nostra strada. E forse questo è un libro che ci aiuta a comprendere o comunque a dare uno sguardo sulle diverse sfaccettature che caratterizzano l’essere umano…

É un libro bello, che incanta nella sua scorrevolezza e nello stile fluido, ma al contempo ricco, dell’autrice che tocca molti temi, e lo fa in modo attento ma estremamente delicato. É un libro emozionante che si legge con molta attenzione e che fa scoprire anche i buoni sentimenti che si annidano in ciascuno di noi, e la capacità di entrare in contatto con qualcosa che va oltre la realtà…potremmo definirlo ultraterreno o introspettivo, ma è un qualcosa che si allontana da ciò che è materiale per esser spiegato in una forma diversa, legata all’immateriale, a ciò che è coscienza, principio vitale dell’essere umano che non è solo materia ma è anche anima.

E nel libro ce ne sono di personaggi senza coscienza, ma vengono bilanciati da quelli che un’anima ce l’hanno, e che dei buoni sentimenti e delle possibilità hanno fatto tesoro e danno insegnamento.

La trama non è complessa, ma mostra un intreccio di storie del presente e del passato che creano un filo conduttore che accomuna alcuni dei personaggi che si trovano nel libro.. presente e passato, e forse anche il futuro, sono legati tra loro in un continuum, con esistenze che si rapportano le une con le altre e che trovano un qualcosa che le accomuna e le conduce verso la chiusura, la quadratura del cerchio.

… MENTRE IL PRESENTE SI INTRECCIA CON IL PASSATO, CAMMINIAMO SULLE ORME DI CHI CI HA PRECEDUTO, PERCORRENDO SENTIERI CHE CONDUCONO VERSO L’INFINITO

Come detto, non mi piace svelare molto delle storie che leggo, perché vorrei che anche gli altri provassero il mio stesso piacere nello scoprire i vari personaggi, le loro esistenze, le loro storie e ciò che li lega e accomuna, o li separa. E anche in questo caso posso solo dire che i legami sono forti e tangibili, e realistici. La vita li mette di fronte a scelte e a situazioni per le quali si deve prendere una decisione che certamente influenzerà tutti quelli che sono loro vicini.

E le scelte sono forse uno dei fulcri del romanzo, scelte d’amore o scelte di convenienza, ma anche scelte di vita, a volte dure e a volte difficili, ma a cui seguono inevitabilmente delle conseguenze

OGNI PENSIERO CHE SI GENERA, OGNI SCELTA E OGNI AZIONE CHE SI COMPIE, PORTERANNO SEMPRE A DELLE CONSEGUENZE…

É una storia bella, commovente, a tratti dolorosa e forte, ma la cosa più bella che emerge è la possibilità di toccare con mano il senso di responsabilità di alcuni dei personaggi. L’amore è comunque il sentimento che pervade l’intero libro, amore in tutte le sue sfaccettature e risvolti. É la storia di una figlia molto amata, ma c’è anche la storia di una figlia non amata, e la storia di una madre che ama le sue figlie e le aspetta con molta gioia, ma è anche la storia di amori sbagliati, disillusi e traditi, oppure di amori diversi, come l’amicizia e il rispetto.

Il finale è semplice e delicato e dà speranza, e un senso di pace e completezza…

NON SIAMO IN GRADO DI SAPERE COSA CI RISERVERÀ IL DOMANI, DEL RESTO NELL’ETERNA DANZA DEL TEMPO, DOVE TUTTO É COLLEGATO, LE GIOIE, I DOLORI E LE EMOZIONI SONO LE SFUMATURE DI COLORE CHE COMPONGONO L’ENIGMATICO DISEGNO DELLA NOSTRA VITA.

INTANTO, MENTRE IL PRESENTE SI INTRECCIA CON IL PASSATO, CAMMINIAMO SULLE ORME DI CHI CI HA PRECEDUTO, PERCORRENDO SENTIERI CHE CONDUCONO VERSO L’INFINITO

Ecco quindi che, con pochi accenni ma forse tante parole, spero di invogliare, chi avrà piacere, ad approcciarsi a questa bella lettura.

É un consiglio libroso che spero trovi molti consensi.

Buona lettura, Raffaella.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...