“Storie di vampiri”. A cura di Alfredo Betocchi

Twilight

 

Chi non conosce la saga di “Twilight”, famosa pellicola del 2008 e ancora sull’onda del successo, ispirato all’omonimo libro di Stephanie Meyer? 

I bravi interpreti, Kristen Stewart e Robert Pattinson, hanno entusiasmato folle di giovani persi dietro le loro romantiche disavventure.

Migliaia di ragazzi e di ragazze sono stati plagiati dalla trama del film, atteggiandosi sui social a improbabili vampiri, creando Blog e Pagine su Facebook e Twitter, partecipando a feste in costume e dipingendosi il volto con dentini aguzzi da cui colano rivoli di sangue finto.

La credenza dell’esistenza dei vampiri ha un’origine molto antica e diffusa tra tutti i popoli della Terra. Dagli antichi greci al vudù haitiano, dal folklore degli indios cileni ai miti dell’Europa centromeridionale, i vampiri succhiatori di sangue umano hanno sempre affascinato le genti superstiziose e primitive.

Perfino nella bella Toscana è nata una leggende vampiresca secondo la quale, vicino Volterra, esisterebbe un masso da cui, nottetempo, escono delle figure ammantate di neri mantelli macchiati di sangue che terrorizzano i viandanti. Il masso ha un’apertura da cui, si dice, escano le fattucchiere di Mandringa.

Ma il vero Principe delle Tenebre è il personaggio creato nel 1897 da Bram Stoker.

Questa figura immaginaria, concepita dal bravo scrittore irlandese, ha oscurato tutti i miti precedenti, facendo dissolvere perfino il vero Dracula, eroe della riscossa romena contro gli invasori dell’Impero Ottomano.

Dracula, o meglio al secolo Vlad II Tepes, detto Dracul, il Dragone o il Diavolo e soprannominato graziosamente dal suo popolo l’Impalatore, nacque nel 1431 in Valacchia, regione della odierna Romania. 

vampiri-vlad.jpg

Come tutti i regnanti di quei tempo, fu un sanguinario tiranno e un eroe del suo popolo. Nel folklore tedesco, russo, ungherese e italiano, le gesta di Vlad Tepes sono ampiamente riportate. Non è, tuttavia, mai menzionato il suo vampirismo, anche se fu un tiranno spregiatore della vita umana oltre ogni limite.

Alcune delle leggende che circondano la sua figura narrano di come Vlad punisse coloro che lo offendevano. Per esempio, quando gli inviati turchi non si vollero togliere il turbante sulla testa dinanzi a lui fece inchiodare i copricapo sul loro cranio.

Era un tipo originale per l’epoca e sapeva cogliere le occasioni mondane per divertirsi a modo suo, come quando pranzava all’aperto tra le urla delle sue vittime impalate attorno alla tavola imbandita. 

Vlad l'impalatore.jpg

Di queste piacevolezze è piena la sua biografia, tuttavia in guerra era un autentico condottiero che seppe respingere le mire ottomane sulla Romania. Fu principe regnante della Valacchia in tre occasioni.

Spezzò l’egemonia dei tedeschi che dominavano la sua terra, affrontò coraggiosamente il potere più temuto dell’epoca: l’Impero Turco degli Ottomani.

Fu esiliato, perseguitato, incarcerato e condannato a morte. Governò con illustri monarchi, come Mattia Corvino, re d’Ungheria. Nonostante tutto questo, in tutti i documenti d’archivio che riportano la cronaca delle sue gesta, non vi è una parola sul suo presunto vampirismo. Gli furono attribuiti terribili massacri sanguinari, ma restava pur sempre un guerriero e un monarca. Mai si sognò di bere il sangue delle sue vittime, come invece erano usi fare i khan mongoli.

Dracula” nasce, perciò, interamente dalla formidabile penna di Bram Stoker, un gentleman educato, colto, signorile. Prima studente brillante al Trinity College di Oxford, poi semplice impiegato negli Uffici di Sua Maestà Britannica.

Appassionato di teatro, conobbe il vampirismo dopo aver letto il romanzo “Carmilla”, scritto da Joseph Le Fanu nel 1872.

Storia cupa e sanguinaria dell’agghiacciante e bella vampira Carmilla che, come Dracula, succhiava il sangue alle sue belle e giovani amiche fino a condurle nella tomba. Stoker si appassionò all’argomento, per lui fino a quel momento sconosciuto.

Nelle sue ricerche d’archivio, s’imbattè nel nostro “Eroe Valacco” e fu subito colpo di fulmine. Il nome e le efferate vicende del tiranno rumeno attirarono come una calamita la fantasia di mister Stoker.

Nacque così “Dracula” pubblicato nel 1897 e destinato a un successo che pochi altri libri avrebbero avuto in seguito. Stoker seppe immaginare il vampiro e tutte le regole e le usanze che, da allora, sono prescritte agli uomini nei confronti dei morti viventi:

i canini aguzzi per mordere le loro vittime sul collo, preferibilmente belle e procaci ragazze; l’abilità dei vampiri nel trasformarsi in animali crudeli o della notte, pipistrelli e lupi mannari; la necessità di agire nel buio, l’evitare di sostare dinanzi agli specchi, da cui la loro immagine non viene riflessa ed il terrore per la luce solare che li annichilisce; poi i sistemi per allontanare i vampiri, l’aglio soprattutto e la croce; infine quelli per farli morire definitivamente, il paletto di frassino e le pallottole d’argento.

Da questa figura leggendaria di vampiro nacquero nel ventesimo secolo infinite varianti: vampiri femmine, gay, bambini, zombi, licantropi e perfino un gatto nero vampiro uscito dalla fantasia di lord Halifax nella prima metà del XX secolo 

Gatto vampiro.jpg

Il cinema s’impadronì quasi subito del ghiotto argomento, creando “Nosferatu” , film muto degli anni ’20; “Dracula”, film interpretato magistralmente dall’ungherese Bela Lugosi 

bela_lugosi_dracula.jpg

vampiri comici e tonti come quello con Mel Brooks nel divertente “Per favore non mordermi sul collo” di Roman Polansky; il capolavoro “Dracula il vampiro” di Francis Ford Coppola, fino alla già citata saga “Twilight” che rinverdì il tema, innestando il genere romantico nella storia horror.

A differenza delle storie narrate al cinema negli anni passati, “Twilight” può avvalersi di infiniti veicoli di inserimento nell’interesse del pubblico.

I media oggi sono enormemente diffusi e quasi ogni persona può seguire e alimentare la propria febbre da vampiro, fino allo scoppiare del prossimo fenomeno mediatico ancora di là da venire.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...