“Alabaster. Guerra I” di Nevis Menegatti, Writeup editore. A cura di Alessandra Micheli

Alabaster- Nevis Menegatti.jpg

 

Il fantasy è un genere complesso.

Sembra apparentemente semplice trasportare su carta le proprie fantasie, il mondo immaginario che è conservato dentro l’anima di ciascuno.

Perché ognuno di noi ha il suo secret world come lo chiamerebbe Peter Gabriel.

Un universo fatto e cementato da ricordi, esperienze sublimizzate, sogni, desideri e speranze.

E persino terrori atavici o moderni, quelle paure che oggi ci pongono di fronte dei bivi oscuri e bui.

Persino io ho un mondo fantastico chiuso nella mia anima, che fa capolino in ogni mia recensione e di cui vi parlerò in un altro capitolo o in un altra vita.

Ecco che recensire il fantasy, più di ogni altro genere mi dà accesso privilegiato all’anima dell’autore cosicché possa ritrovarlo sorridente ad attendermi al bivio, pronto a tendermi la mano e aiutarmi a attraversarli. Alabaster è uno di questi viaggi che il blog mi permette di fare.

L’inizio è degno dei temi classici: un mistero che la protagonista deve risolvere e che coinvolge non tanto i suoi doni quanto la sua stessa origine.

Deve imparare, come il buon Perceval dei racconti graaliani, a ritrovare se stesso e le sue radici, perché senza la consapevolezza di chi si è, per quale motivo bizzarro siamo finiti su questo piano di realtà, nessuna azione, nessuna felicità terrena è possibile.

Senza riscoprire il nostro vero volto, siamo incompleti, terrorizzati, bloccati in un incubo perenne.

E sono proprio gli incubi ad attraccare alla mente la mente di Eleanor. Una ragazza come tante, una donna in fiore amante dei libri come se essi custodissero le risposte ai suoi normali e assillanti perché.

Quei perché li abbiamo tutti.

Solo che nel caso di Alabaster non sono perché che interessano il suo percorso umano, ma l’intero mondo.

Perché gli eletti, gli eroi, sono solo piccoli simboli del percorso umano di evoluzione o involuzione e riguardano ognuno di noi.

Pensiamo alle storie graaliane.

Esse non erano solo meravigliosi racconti di fate e maghi, di duelli e incanti. Sono vere e proprie allegorie dei temi eterni collegati all’uomo, della perdita di potere, della rottura del patto tra noi e dio e tra noi e il regnante, simbolo dell’ordine eterno.

Alabaster e Eleaonor è lo stesso concetto reso, però, più moderno dalla scrittura talentuosa di Menegatti.

Lo scontro tra licantropi e vampiri, dunque, appare non più come un esigenza narrativa, atta a farci emozionare.

Ma diviene l’archetipo del duello tra le due coscienze umane: la bestialità senza limiti del licantropo.

Si tratta di un concetto espresso anche dal Platone.

Tramite la visione del cavaliere che, incapace di trattenere i focosi destrieri (gli istinti), ne viene travolto, cosi il licantropo libero di esprimere senza un minimo di etica i suoi bisogni primordiali, diviene un elemento disgregatore della società.

Al contrario il vampiro, colui che vive in eterno grazie a una scelta o a un patto scellerato, si priva di ogni emozione umana, fino a divenire eccessivamente controllata eccessivamente freddo.

Non è un caso che il non morto, privo di reali bisogni, di passioni e di sensazioni umane nonché di istinti, deve per forza nutrirsi di sangue.

E’ la linfa vitale è vero, ma contiene in se, i ricordi di una persona, tutto il suo retaggio e quindi, dona al non morto una parvenza di umanità. Due fazioni diverse, estremamente aliene una dall’altra, incapaci di collaborare perché mancanti di un elemento qualsiasi che li colleghi.

Ed ecco che arriva Eleanor.

L’Ibrido, l’incontro tra cielo e terra, tra bisogno terreno e spiritualità, scesa dall’alto per mettere ordine nel caso, come solo la morale, l’etica o il senso del sacro possono.

Ecco che lo strabiliante potere dell’ibrido (di che ibrido si tratta lascio a voi la scoperta) alletta le due fazioni ansiose di ottenerlo non per il bene supremo, ma per dominare uno sull’altro.

E’ cosi che succede anche oggi.

Ogni ideale puro, ogni afflato di eternità, ogni meraviglia discesa direttamente dalla Maat cosmica, diviene terreno di scontro.

Viene usato, viene deprivato del al sua potenza originale perché ucciso dal potere inconsulto senza limiti.

Eleaonor allora dovrà difendersi da questi osceni impulsi atti a distruggere e mai a far rinascere il mondo.

L’ Apocalisse che da voce al libro, in fondo, non è altro che la rivelazione.

La rivelazione di quale sarà lo scenario che Elaanor porterà con se, quali saranno le sue scelte e quale sarà lo schieramento che deciderà di appoggiare.

Io spero sempre per la terza opzione.

Quello dell’armonia.

Con uno stile suadente e mai noioso, Menegatti ci porta attraverso il folclore di ogni tradizione europea arricchendolo con grazie a bravura di elementi moderni, di significati che mai come oggi servono ai lettori, perché bussino alle loro menti annebbiate donando come sarà donata a Elanor la coscienza della propria forza.

Che questa forza porti pace in terra.

O una nuova splendida rivoluzione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...