La rubrica Er ritorno de Pasquino presenta “L’ipocrisia”.

fb_20160430_10_09_27_saved_picture.jpg

Famme capi.

Fai a voce grossa.

Scrivi kilometri de post, in cui te lamenti dà mancanza de civirtà,

Te lamenti de sto popolo pecorone che dice sempre si

Der sistema che nun va

Dell’economia che sostiene er più forte

E poi che fai?

Me inneggi chi, co quer sistema, c’ha fatto i sordi?

Co chi specula sulla vita tua e mia?

Su chi fa le società off shore)

E che s’è fatto da solo

Co l’auito de papà,

dirigente de na banca famosa per fa li favori ai picciotti?

No famme capì.

Te voi er cambiamento

ma basta che li cazzi tua sieno rispettati e valorizzati…

Mbe bello de casa tua, questa nun è civirtà.

Questo non è senso dello stato

Questa, a casa mia, se chiama paraculite

E io a sta co a gente

che fa la voce grossa perché dentro cià er core piccolo piccolo

cià un vuoto da colmare con le urla,

non me ce siedo a magnà.

Vota chi te pare.

Ma ricordete che l’ideale

non è una bandiera da portà bella bella

in rilievo sul bavero della giacca

E’ n’foco dentro che s’appiccia quando senti una musica

Ma che ce lo sai solo te e Dio.

E’ un modo de vedere la realtà fatta de bellezza e compassione

E fidete…

chi dell’ideale se nutre,

nun se butta dentro la vasca de melma

a sguazzà co l’altri porci.