“Laura nella stanza” di Roberta De Tomi. A cura di Raffaella Francesca Carretto.

 

Laura nella stanza cartaceo - Roberta De tomi.jpg

 

Quanto è misterioso l’animo umano, sempre in cerca di qualcosa, che sia amore o serenità o vendetta, anche il suo lato oscuro…

E quanto male può fare l’uomo, quanta sofferenza può arrecare attraverso la manipolazione di chi è più fragile e sensibile.

Laura nella stanza è anche questo a mio avviso, è una storia d’amore e anche di vendetta… un racconto lungo, ben scritto, ricco di suspense nel mistero che lo avvolge, avvincente e dinamico nel suo dipanarsi.

La costruzione, per nulla farraginosa, mette bene in evidenza i personaggi coinvolti nella vicenda, e ci racconta una storia di insicurezze e ossessioni, di persecuzioni e fissazioni croniche e depressioni, di paure e animi feriti, ma soprattutto dell’animo umano, quell’animo umano ferito, o che ferisce e manipola..

È una storia che mostra il travaglio interiore della protagonista, che cresce in una vicenda che resta in sospeso, come un animo in pena che deve chiudere il cerchio.

E questo cerchio si chiude, o comunque si chiuderà al termine di questa vicenda che si racconta tra un noir e un erotico, e si dipana attraverso un crescendo di eventi che si sviluppano anche da un punto di vista psicologico perché mettono in mostra le debolezze, i complessi e le virtù, ma anche ii vizi e le perversioni e le ossessioni e i travagli dell’animo umano, di tutti i protagonisti ..

Laura é in cerca di riscatto, coinvolta suo malgrado in una storia di stalking, in cui è lei a essere additata come colpevole…

Ma è questa la realtà?

Tutti la additano come quella “sciroppata”, quella “strana”… ma chi è realmente quello “sbagliato”? e chi può condurre questo gioco? È una storia in cui apparenza e realtà si mescolano sapientemente, sino al clou del gioco perverso di una mente malata e ossessionata…

Laura, Diego, Lucrezia, Giulia ed Erri, questi i protagonisti, vittime e carnefici, di una storia ben scritta e che tiene alta l’attenzione del lettore.

È questa una lettura che non annoia e che consiglio, perché riesce a coniugare la voglia di leggere qualcosa di veloce a una storia intensa e intrigante, con colpi di scena e azione.

Non stanca, anzi mantiene viva l’attenzione del lettore sino alla fine del racconto.

Non è difficile intuire il finale, anche se la trama è stata scritta in modo da aiutare il lettore a percepire tanti possibili finali della storia, che però termina in modo congruente con la complessità dei protagonisti.

Gli stessi protagonisti sono figure tutt’altro che semplici, in primis Laura che racchiude in sé debolezze, certo, ma che sa anche essere una donna dal carattere forte e ambivalente, e a volte distruttivo e maniacale, ma che seguendo i propri istinti riesce a trovare la forza di essere se stessa; insomma, è un personaggio estremamente complesso, che si può amare e odiare per le sue fragilità, ma che è talmente ben costruito e delineato da essere percepito in modo tangibile e in ogni sua sfaccettatura.

Anche il carattere degli altri protagonisti risulta ben delineato, alcuni molto più forti di altri, anche persino della protagonista principale, per certi versi, e tutti sono legati tra loro e a Laura, in un contesto che risulta molto forte, di ossessioni e di perversioni che delineano il carattere di ogni attore del racconto.

La storia con Diego, che fa da fil rouge, quel filo conduttore delle manie ossessive che spingono i protagonisti uno vero l’altro, per poi arrivare a un finale che è la giusta conclusione di un’ossessione. Il tutto si sviluppa in una serie di momenti dal carico emotivo non indifferente per la stessa Laura che ritrova un po’ di quella malizia perduta nel suo rapporto con Lucrezia, ma anche tanta complicità…

ma non voglio dirvi nulla di più, perché sta al lettore riuscire a immedesimarsi o empatizzare coi protagonisti; io, posso solo suggerire di avvicinarsi a questa lettura con interesse, perché nella sua brevità saprà mantenere il lettore con un buon grado di attenzione sino alla fine.

A chi sarà incuriosito e lo sceglierà, buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...