“I segreti di Sandy Neck” di Alessandro Testa. Edizioni Il Vento Antico. A cura di Francesca Giovannetti

Maurenn Marsh scompare nel nulla a Cape Cod, dove i cottage della spiaggia di Sandy Neck sono stati ritratti negli indimenticabili quadri di Edward Hopper. Per una strana coincidenza del destino il fotografo Derek Brown e lo scrittore Alan Murray si ritrovano entrambi proprio a Cape Cod, vent’anni dopo. Derek ha conosciuto Maureen, Alan è diventato il proprietario del cottage nel quale Derek e Maureen si incontrarono. Entrambi sentono quasi il dovere di fare luce su quella scomparsa irrisolta, scontrandosi con una comunità chiusa e diffidente.

L’atmosfera è ciò che permea questo romanzo, l’odore della mare e i colori di Hopper fanno da cornice costante durante la lettura. È una sensazione incredibile, essere trasportati nel tempo e nello spazio. Una penna coinvolgente in maniera quasi poetica, nonostante una trama serrata e piena di suspense.

Maureen è una donna abusata e questo mi ha portato a riflettere su un’altra coincidenza o forse l’autore ne era ben consapevole. Edward Hopper trascorse molte esatti, fin dal 1930, proprio a Cape Cod, la penisola affacciata sull’Atlantico, insieme alla moglie Josephine. Quello che non tutti forse sanno è che il pittore fu sempre follemente geloso della moglie, a tal punto da isolarla da famiglia e amici per averla tutta per sé. Fu anche violento e a volte manesco; a prova di ciò si ricorda la furiosa lite avuta per strada con la moglie perché non voleva che guidasse! Celebre il biglietto per i 25 anni di matrimonio che Jo scrisse a Edward: “Meritiamo la Croix de Guerre per esserci distinti nella battaglia”. Questo non inficia certo la grandezza della sua arte ma mi ha fatto pensare a questo strano intreccio di donne vittime della gelosia del compagno. Altra strabiliante coincidenza: il nome della moglie di Edward Hopper era Josephine (Jo), il compagno di Maureen, nel romanzo di cui ho concluso la lettura, si chiama Joe.

Ma ritorniamo al libro. Una trama solida e intrecciata con personaggi molto forti. Ognuno porta il fardello pesante che la vita gli ha riservato. Alan Murray soffre per la prematura perdita della moglie, Derek Brown , uomo di indubbio successo, dopo un ventennio trascorso a viaggiare per il mondo, cerca la sua stabilità affettiva. Entrambi scelgono Cape Cod per tentare un nuovo inizio.

La descrizione della comunità è inquietante, un luogo in cui tutti sanno tutto, dove chi non è del luogo è ben accetto solo come turista. La tipica mentalità della provincia americana, ancora più dura se ci sono segreti da nascondere.

Con un’inesorabile ritmo, l’autore svela le carte e dipinge un quadro, come Hopper. Ma qui le tinte sono fosche e cupe, l’ombra della presunta morte di Maureen avvolge ogni pensiero e ogni mossa. Un libro costruito con tutti i tasselli al posto giusto, e con un finale rocambolesco. Si arriva fino all’ultima pagina con il fiato sospeso.

Un autore eccellente che ha saputo incastonare la storia alla perfezione, curando ambientazione, descrizione, caratterizzazione dei personaggi con una decisa attenzione al dettaglio.

Consigliato!

Un grazie alla dottoressa Claudia Corti, storica dell’arte, che ha contribuito con impeccabile competenza a farmi conoscere l’arte e la vita del pittore Edward Hopper, una presenza che permea questo romanzo nella sua essenza.

(in foto un celebre dipinto di Edward Hopper: tramonto a Cape Cod)

Un pensiero su ““I segreti di Sandy Neck” di Alessandro Testa. Edizioni Il Vento Antico. A cura di Francesca Giovannetti

  1. Pingback: La recensione de I segreti di Sandy Neck a cura di Francesca Giovannetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...