Review Party: “Se mi guardi esisto” di Fabrizio Caramagna, edito da Mondadori Editore. A cura Francesca Giovannetti

se mi guardi esisto.coverAmore finito, amore in corso, amore perduto, amore trovato.

Un flusso di pensieri e racconto, un’anima a nudo senza censura. Una corrente impetuosa che racconta la parte più intima. Un padre divorziato che ha bisogno di spiegare a un figlio che la sua famiglia sarà diversa, che mamma e papà ci sono e lo amano, ma non può essere come prima. E nel frattempo il desiderio di sentire sbocciare ancora un sentimento vero, sincero e vivo. E la consapevolezza che non tutti cerchiamo le stesse cose, non tutti intendiamo l’amore allo stesso modo. È quasi come essere invisibili, incapaci di comunicare, fino a quando non si incrocia quello sguardo che ti accende, che ti fa dire “ci sono anche io”.

“Se mi guardi esisto”, se mi guardi so che posso ancora essere, donare, gioire, condividere, amare nella maniera giusta e pura.

Un riscoprire che c’è un futuro e una possibilità, che qualcosa di buono c’è là fuori per noi, se non abbiamo fretta, se sappiamo riconoscerla.

Ci sono uomini e donne pieni di altruismo, di desiderio di aiutare il prossimo. Le anime belle si incontrano e come si appagano nell’aiutare l’altro, così soffrono per l’altro, per l’ingiustizia del mondo, per la crudeltà verso il più deboli e si impegnano in prima linea. Donare se stessi al mondo è la più alta forma di amore. Non tutti lo comprendono e può non essere indolore. Una scelta difficile, fatta con il cuore, cambia la vita di chi la compie ma anche di chi sta accanto.

Perché così è la vita, un alternarsi di amore e dolore, di scelte fatte e rimpianti, di discese e risalite.

L’animo umano si lacera e si ricompone.

Uno scritto intimo e delicato, che entra nelle nostre vite come un uragano, senza timore di rivelare la forza e la fragilità umana. I pensieri, desideri, le considerazioni di un personaggio che apre il cuore senza ritrosie, raccontandosi per ciò che è. Senza pretese di dare giudizio, con il coraggio di afferrare la vita, sempre e comunque.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...