Inno alla fantasia. Le Mezzelane casa editrice, inaugura i libri per ragazzi. “Tartarus. Il seccasogni, di Unver Alibey (illustrazioni di Alessio Gherardini). “I racconti di Spaventino volume primo. Un cimitero pieno di sorprese” di Roberta Martinetti ( illustrazioni di Eva Ferro). “Anch’io posso volare” di Rita Angelelli (illustrazioni di Leonardo Iacono). A cura di Patrizia Baglioni

Il mistero ci attrae, non possiamo negarlo.

Fin da bambini per predisposizione biologica, iniziamo a curiosare, scoprire, avere una spiegazione diventa impellente.

Dai due anni in poi la parola magica che risuona in ogni famiglia è “PERCHE’”, i genitori con pazienza provano a costruire definizioni con termini semplici, esempi e spesso immagini. “Ecco ora te lo spiego con una storia”, e così per la prima volta gli occhi curiosi di un bimbo incontrano le pagine di un libro.

Le risposte sono proprio lì tra rappresentazioni e parole, anzi c’è ancora di più.

Sì, perché spesso noi grandi non osiamo affrontare argomenti che giudichiamo spinosi o traumatici.

Ma i bimbi non hanno paura della paura, ma solo del nostro timore.

Più motivati di noi a scoprire, sfidano l’inquietudine e la vincono, attratti da quel senso di mistero che ogni buona storia sa evocare.

A loro si rivolge la casa editrice Le Mezzelane che con acume e ironia stuzzica la fantasia e sdrammatizza i mostri della nostra infanzia.

Se uno scheletro vi sembra spaventoso, significa che non avete mai conosciuto Spaventino che abita in un cimitero pieno di sorprese.

La storia è creata da Roberta Martinetti e illustrata da Eva Ferro, studentessa di soli quindici anni che dimostra grande talento e versatilità. La collaborazione è vincente perché Spaventino è uno scheletro simpatico, che ama le caramelle come tutti i bambini, d’altronde aveva solo undici anni quando è morto.

Ora dimora in un camposanto dove tutte le notti i fantasmi dei bimbi riprendono vita, chiacchierano tra loro e si fanno dispetti… insomma nulla di diverso dal solito.

Spaventino si muove per la città in preda ad una strana inquietudine che lo porta spesso verso la sua grande casa ormai fatiscente e abbandonata. Spaventino non sa perché quel luogo un tempo così curato e amato dai suoi genitori, sia stato abbandonato a se stesso, sa solo che questo gli crea grande tristezza così come la sua solitudine.

Ma il piccolo scheletro scopre che nel camposanto, viva e vegeta abita una pronipote, tante emozioni ancora lo attendono, quante cose da scoprire… e lui ha tutto il tempo, tanto è già morto!

Speriamo solo che non incontri Il Seccasogni.

Questo si che è un mostro dispettoso!

Pensato da Ünver Alibey e disegnato da Alessio Gherardini, è il protagonista di una storia magica anche se la Signorina Misteria non è favorevole ad usare la magia.

Ma la situazione è grave e deve intervenire, un mostro chiamato Tartarus la notte si intrufola nelle camere da letto di bambini innocenti.

E non lo fa per nascondersi sotto il letto o nell’armadio per spaventarli. Sarebbe troppo semplice, no?

Ha altri piani.

Molto più orribili.

Quando i poverini dormono e sognano felici, Tartarus si siede sui loro petti e succhia i sogni, finché i bambini rimangono privi di sogni… Vuoti… Tristi… Come degli adulti!

Poi torna nel profondissimo pozzo buio che chiama casa, fino alla notte successiva.

Insomma pur di aiutare i bambini Misteria accetta i suoi poteri e con una torta alle fragole, evoca il libro magico.

Il resto è un’avventura incredibile tutta da vivere e gustare!

E se non siete stanchi di mondi magici e libri di favole venite a volare con noi! Anch’io posso volare di Rita Angelelli e Leonardo Iacono parla ai ragazzi di oggi che come Mario, vivono isolati dal mondo grazie alle cuffiette dell’i – pod, escludendo affetti, voci e soprattutto fantasia.

Mario lo comprende quando sua nonna gli strappa le cuffie dalle orecchie, gliele restituirà se riordinerà la soffitta.

Per il ragazzo una scocciatura si trasforma nella scoperta di un libro magico dove abitano i protagonisti delle favole e con Peter Pan impara a volare non solo con il corpo ma anche con la mente.

Tre racconti da scoprire e apprezzare che aiutano bambini e adulti a sognare con immagini curate e linguaggio semplice e brillante.

Le storie educano e alimentano l’immaginazione, danno speranza ed esorcizzano le paure, non resta che correre in libreria e aprire un libro de Le Mezzelane, l’incantesimo ha inizio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...