“Solo la verità.1837” di Octavia K. Sour, Io me lo leggo. A cura di Alessandra Micheli

Eccoci finalmente giunti al secondo capitolo della toccante vicenda di Lawrence e Lee Ann.

Abbiamo lasciato i nostri due eroi in preda al dolore più profondo: Lee Ann sembra aver scelto, rassegnata forse al matrimonio imposto con il fratello Terence.

Accomodatevi, miei lettori.

Sarà un viaggio tra morbidi abiti di crinolina, tra dolore e tra convenzioni, laddove la verità sembra un miraggio cosi remoto ma che, improvvisa vi colpirà con il suo duro pugno, senza lesinar affatto una certa durezza.

Lividi lascerà sul corpo esterrefatto, eppure come sempre accade in letteratura sarà da quei lividi che Lee smetterà di essere la fragile damina del vittoriano per diventare…donna.

Perché finora Lee cosi romantica, cosi composta, con quella fantasia persa tra le stelle e quel suo adorabile naso sui libri ci è apparsa affatto protagonista.

Essa lasciava che la pioggia la sfiorasse sorridente e silente.

Lasciava il suo destino in mano a altri.

Lasciava persino che le imponessero chi amare.

Non sposare, quella era una convenzione assoldata e quotidiana.

Ma l’amore, ahimè è faccenda diversa dal matrimonio.

E’ un segreto fatto di sussurri e sospiri, di mani che si sfiorano scambiandosi un libro.

Occhi che scrutano nel silenzio di una notte senza luna, affinché il buio protegga gli amanti.

Lee Ann in un primo tempo non esiste.

Sorride.

Ma la sua mente è lontana.

E’ sposata, ma la sua anima è muta.

Esiste, si lascia andare alle correnti, ma non nuota.

In questa prima fase è Lawrence, il nostro eroe perfetto a contendere lo sguardo remoto di Ann con il torbido fratello Terence.

Maturo e serio uno, torbido e tormentato l’atro.

Amante degli scherzi il secondo, posato e legato al libro il primo.

Lee Ann li osserva, ma non proferisce parole.

E al pari della sua parente alla lontana, la terribile Fanny Price di Mansfield Park non lascia impronte sulla terra.

Sembra che una coltre di neve le protegga i piedi.

Sembra quasi irreale appartenente a un altra dimensione, di passaggio come se in fondo, questa vita non le interessi affatto.

Finché il libro stesso si ribella a questa eroina cosi evanescente.

E decide di mescolar le carte. E cosi la parola prende il sopravvento e con una penna affilata scrive un altro capitolo.

E il libro cambia.

Improvvisamente la passione scende dalle regioni remote dell’anima e si impossessa della carne.

E Lee Ann esiste.

Nonostante quel suo scendere sulla terra le ferisca il cuore, le mani e i piedi.

Camminare sula terra, sui suoi sassi ahimè procura dolore.

Ma è in quel momento che Lee Ann vive.

E inizia finalmente a decidere.

E in fondo è non l’amore, ma la sofferenza di quello non vissuto, impossibile e desiderato a darci la spinta per cambiare la mente, la visione e di conseguenza la vita.

E cosi la verità finalmente può illuminare volti con la sua luce affatto radiosa ma essenziale.

Se cercate un libro immediato, trasgressivo e irriverente, questo non fa per voi.

E nella lentezza che si svela la vera bellezza.

Quel cercare il senso sfogliando le pagine.

Quell’assaporare le emozioni in modo pacato, sapendo che, prima o poi esse si riveleranno a te.

Questo è un libro per anime che hanno bisogno di eleganza.

Di bellezza.

E amano il tempo.

Anzi non lo considerano reale.

Per loro il libro lo sospende.

E allora non esiste più la fretta.

Ne l’ingordigia di chi mangia di fretta senza…assaporare.

Ritrovate il ritmo.

Il gusto.

La meraviglia incantata dei sensi che si risvegliano.

La gioia di vibrare.

Con calma andate a svelare ogni verità.

Lenti.

Ma sicuri che alla fine di ogni percorso il sole irrompe tra le nuvole.

Perché solo ai forti è concesso il vero amore.

Se sei abbastanza forte per l’amore

Bimba io sono più duro degli altri

Bruce Springsteen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...