Il blog consiglia “Quattro volte Natale. Piccoli omicidi a Milano” Autori vari. Da non perdere!!!

Racconti di Paola Varalli, Giorgio Maimone, Oscar Logoteta, Riccardo Besola, Andrea Ferrari, Francesco Gallone

Quattro Natali, quattro decenni, quattro storie milanesi.
E quattro personaggi memorabili.
Marlon, il detective già noto ai lettori creato da Giorgio Maimone, che si muove in una Milano dei ruggenti anni ’60, sfidato dall’Enigmista, serial killer amante dei giochi di parole.
Il commissario Miletta, poliziotto del Sud che si trova a vivere la città meneghina nel suo periodo più buio, gli anni di piombo, raccontata da Oscar Logoteta.
Il “gommista virile” di Paola Varalli che, con l’idraulico Pino e il barista Viliam, si improvvisa investigatore nella Milano da bere degli anni ’80.
Il taxista Luigino alle prese con una valigetta abbandonata dal sosia di Gian Maria Volontè nell’ultimo Natale del millennio, raccontato da Besola, Ferrari e Gallone.

Ora scusami, ma devo andare a preparare l’albero di Natale. La scena del delitto deve essere perfetta. Mancano tre indizi e poi toccherà a me: il 24 dicembre. Un bel regalo di Natale! Mi raccomando, suonate le cornamuse al mio funerale.
Giorgio Maimone


Fare il commissario, a Milano, durante gli anni di piombo, poteva essere un bel mestiere, perfetto per un sadico o un egocentrico.
Oscar Logoteta


Milano si stava lentamente riempiendo di localini trendy che dispensavano tartine di cervo su pane integrale caldo, accompagnate da calici di Falanghina o di Muscadet. Ma chez Viliam, nel fulgore degli anni Ottanta, la faccenda dell’aperitivo funzionava così: due persone, due olive. Tre persone,
tre olive.
Paola Varalli


Alla radio una vecchia pubblicità del panettone Motta, gli ricordò che il Natale quando arriva, arriva, e che anche quell’anno lui si sarebbe fatto un risottino giallo con i funghi, si sarebbe bevuto una bella bottiglietta di barbera dell’Oltrepò e, a mezzanotte, si sarebbe regalato una generosa fetta
di panettone del Cova…
Besola, Ferrari, Gallone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...