La rubrica l’angolo del poeta presenta: Alessia Piemonte e i suoi versi.

Il silenzio crudele,
è liquido,
viscido,
squallido.
La gola è stretta da perle,
dipinte di sangue,
che scorre come bava nel collo.
Follia,
deviazione;
violenza,
mi incubano,
togliendo ogni sedimento di me.
Se nessuno ferma questo massacro,
altri innocenti,
possono essere vittima,
dell’avido orrore,
che vibra un colpo secco nella carne:
mi sfalda,
mi logora,
mi uccide.
Il mio respiro,
è solo un vapore,
estasi per i dannati.
La testa,
un secchio vuoto.
Il cervello,
sbranato dal dente del peccato
è afflosciato come un verme inutile.
Il mio corpo,
una scomposta forma
è solo un’ombra sputata nel muro.
La mia anima è fuggita,
in un lamento,
soffocato,
rotto:
un singhiozzo.
La ripugnanza mi ha afflitto,
ma …
l’ansiosa risata,
il sudore che schizza,
il bagliore di pietà
che fiammeggia negli occhi vuoti,
eccita ogni fibra del mio essere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...