“Come delfini tra pescecani. Un indagine dei cinque di Monteverde” di Francois Morlupi, Salani editore. A cura di Ilaria Grossi

Commissariato di Monteverde, Roma.

Cinque è il numero di una squadra di polizia perfetta, di uomini e donne.

Ognuno con la propria vita, il proprio passato, ambizioni e paranoie.

Guidati dal commissario Biagio Maria Ansaldi, uomo di grande cultura e ipocondriaco, i cinque di Monteverde si troveranno coinvolti in un’indagine apparentemente semplice. 

Il suicidio di un anziano, trovato impiccato nella sua casa.

Apparentemente semplice perché la morte dell’anziano, apre un vero vaso di Pandora. 

A pochi giorni, viene ritrovato senza vita un giocatore molto famoso, ma al tempo stesso coinvolto da sempre in loschi giri.

Due suicidi..così slegati tra loro, nascondono un passato assai variopinto e la squadra di Monteverde non può non entrare in un labirinto tortuoso e senza luce.

Ammetto di essermi persa più volte in questo labirinto, troppi nomi, troppe persone coinvolte. 

Ma la squadra di Monteverde con una collaborazione compatta e una forte sinergia ha trovato la carta giusta.

Come delfini, compatti e solidali, hanno saputo resistere anche al predatore più vendicativo e pericoloso.

Nella cornice della bella e caotica Roma, Francois Morlupi con uno stile ironico e diretto, ci proietta nelle indagini dei cinque di Monteverde intrecciando una storia che mi ha particolarmente commosso sul finale.

Ho simpatizzato con i protagonisti, veri e genuini, ma Ansaldi ed Eugénie Loy, resteranno i miei preferiti, con le loro paranoie e ansie e soprattutto non dimenticherò il cuore grande del commissario Ansaldi.

Buona lettura 

Ilaria per Les Fleurs du mal blog letterario

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...