“Le notti di Artemide” di Fernando Lizzani, Bertoni editore. A cura di Patrizia Baglioni

Laura è una giornalista d’assalto, una che non ha paura del sistema, è una donna indipendente, che ama correre rischi, rispettata e temuta dagli uomini.

E poi scompare… e nessuno sembra volerla cercare.

Solo Esmeralda la sua amica fotografa si preoccupa e chiede consiglio a Giada, una cartomante molto conosciuta dalla Roma che conta e che usa qualche stratagemma per essere al corrente delle vicende di tutti.

Lo stratagemma si chiama Fabio, investigatore privato, figlio di poliziotto, che attraverso travestimenti e appostamenti prende nota di abitudini, frequentazioni e storie d’amore dei clienti di Giada.

La squadra funziona, d’altronde Fabio è un bravo ragazzo dalla faccia affidabile e non ci mette molto a farsi trascinare da Esmeralda e dalle sue ipotesi sulla scomparsa dell’amica.

I due iniziano un’indagine densa di colpi di scena, dove al centro ci sono misteri e scandali che coinvolgono personaggi potenti del mondo dello spettacolo e della politica.

E poi il corpo di Laura viene ritrovato o almeno dei miseri resti riconducono alla sua persona, il calderone degli indizi trabocca e tra le sue cose Fabio ed Esmeralda riescono a ritrovare dei documenti e dei filmati sconvolgenti.

Tra questi ci sono riferimenti a “Il bosco di Artemide” un’opera esoterica contenente antichi rituali che sembrano essere stati ripresi da una setta che opera a Roma.

E guardacaso Laura stava proprio indagando su questo prima di scomparire.

Fabio ed Esmeralda provano a conoscere e capire le persone vicine alla giornalista, ma la ricerca sembra disorientare di più i due provetti investigatori: la madre di Laura si mostra fredda e distaccata, sul lavoro l’unico problema è quello di trovare una sostituta e le amiche Mavi ed Eleonora sembrano nascondere qualcosa.

Nonostante Fabio abbia esperienza in indagini ed Esmeralda sia particolarmente arguta, la scoperta della verità sarà difficoltosa.

I due dovranno mettere in atto ogni strategia per capire gli eventi che li circondano tra riti satanici travestiti da bolge a scopo sessuale, documenti falsificati e un omicidio che li tocca da vicino.

Il confine tra vero e falso non sarà mai così labile, come cercare un ago in un bosco guidati solo dalla luce fioca di Artemide.

Un thriller esoterico dove i personaggi non perdono mai identità e i fatti mantengono credibilità. Consigliato a chi ama il genere.

Buona lettura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...