Il blog presenta “La notte della Strige” di Giovanni Ascolano, Delos Digital. Da non perdere!

Signor Fittipaldi, mi sente?

Ero disorientato e confuso. La testa mi stava scoppiando: una terribile emicrania era sul punto di condurmi alla follia. A stento mantenni gli occhi aperti: la luce mi dava fastidio. Non sapevo dove mi trovassi né chi mi stesse parlando. Non me ne fregava nulla: ero troppo sofferente per dare importanza a ciò che si trovava intorno a me.

Signor Fittipaldi, mi sente?

Ancora quella voce! Che supplizio! Non avevo alcuna voglia di parlare né tantomeno di ascoltare: ogni parola era come un chiodo infilato nel cranio con un colpo di martello. Mi sentivo stanco e apatico. Desideravo soltanto essere lasciato in pace.

Avevo dolore alla schiena: il letto su cui ero disteso era davvero scomodo. Percepivo uno strano fastidio alla testa; era come se la pelle fosse tirata da qualcosa…

Sfilai la mano da sotto le coperte, la portai pian piano al petto, ma mi arrestai: avevo avvertito qualcosa attaccato al braccio. Aprii gli occhi. Vinsi il fastidio della luce artificiale e scorsi una flebo: ero in ospedale.

Signor Fittipaldi, non si muova. Le abbiamo messo una flebo.

Perché sono qui? Cos’è successo? Mi fa male la testa…

Alla fine, i miei occhi riuscirono a mettere a fuoco il volto dell’uomo che si trovava dinanzi a me: era un medico grassoccio e pelato. Occhiali dalle spesse lenti e montatura nera. Aveva una folta barba corvina con qualche pelo bianco sul mento.

È stato portato qui durante la notte. I suoi vicini l’hanno sentita gridare. Hanno provato a contattarla, ma non hanno ricevuto risposta… Così, hanno chiamato i carabinieri. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco: sono entrati nel suo appartamento e l’hanno trovata distesa a terra. Forse, ha battuto la testa contro la parete. L’hanno portata qui privo di sensi. Abbiamo suturato la ferita… Dalla TC risulta una lieve commozione cerebrale: stia tranquillo, nulla di grave! Saprebbe dirmi cosa è successo?

Non ricordo nulla, sono confuso… Ho male alla testa. Mi sento debole. Faccio fatica anche a sollevare le braccia… Cosa mi succede?

Dalle prime analisi abbiamo riscontrato una riduzione dell’emoglobina: ha un’anemia di moderata entità. Non è così grave da necessitare una trasfusione, ma dobbiamo capire quali siano le cause di questa condizione. Negli ultimi giorni ha avvertito debolezza, dolori o altri sintomi?

Dottore, che ore sono?

Sono quasi le cinque del mattino.

Chiusi le palpebre e non mi curai delle ulteriori domande del medico. La mente non riusciva a prestare la dovuta attenzione a quell’uomo dalla voce così odiosa. Avevo bisogno di estraniarmi dalla realtà circostante e trovare rifugio in me stesso. Avvertivo un’irrazionale e ancestrale paura. Ero in balia del terrore, tormentato dall’ignoto. La memoria non era in grado di aiutarmi a definire la natura di quello stato emotivo. Eppure, continuavo ad interrogarmi…

L’amarezza dell’amnesia travolse l’animo suscitando disagio. Cercai il ricordo più recente, avevo bisogno di un punto di partenza per ricostruire le ultime ore della mia vita. Il dolore alla testa era insopportabile, ma il desiderio di risposte ebbe la meglio sulla sofferenza. Alla fine, scorsi un piccolo bagliore tra l’inquietante oscurità della mente. Un nome emerse dall’oblio: Simone Caputo. Fui scosso da un brivido, un ricordo stava affiorando dal caos…

Una figura femminile dagli occhi dorati si palesò ai piedi del letto. Immediatamente, aprii le palpebre colto da un’inspiegabile paura: ero solo… Ero così confuso da mescolare la dimensione onirica con il mondo reale, di sicuro, mi trovavo in uno stato di dormiveglia…

Mi domandai chi fosse quella donna, ero convinto di averla già vista. Purtroppo, data la situazione, dubitai delle mie certezze e ipotizzai che fosse una figura appartenente ai miei sogni; è probabile che fossi sul punto di addormentarmi. Però, quella vivida e ignota sensazione di terrore aveva richiamato la mente alla lucidità della veglia.

Mi guardai attorno con la testa pesante e un crescente senso di nausea: ero ancora al pronto soccorso. Il medico si era allontanato. Alla mia destra c’era una tenda verde scuro che separava il mio letto da quello accanto. A sinistra avevo la parete, priva di finestre.

Mi interrogai invano: le domande non trovarono risposte…

Come sono finito in ospedale? Cos’è successo?

Ero scosso: un simile vuoto nei ricordi non poteva che essere sinonimo di una grave condizione clinica. Eppure, quella donna l’avevo già vista. Ma dove? Cercai di ordinare le immagini confuse che si susseguivano in maniera caotica nella mente: dovevo prenotare una visita dal dott. Caputo. Erano settimane che avevo problemi con il sonno. Il medico di famiglia mi aveva consigliato di rivolgermi ad un luminare di sua conoscenza: un medico di Pescara, specializzato in psichiatria e neurologia esperto di disturbi del sonno. Lo avevo contattato alcuni giorni prima per prendere un appuntamento, ma non ero riuscito a reperirlo telefonicamente. Gli avevo lasciato una mail con la speranza di essere ricontattato a breve: ho sempre detestato chi non risponde alle e-mail.

Piano piano l’amnesia lasciò spazio ai ricordi. Non fu facile, né tantomeno veloce: le informazioni riemersero in maniera confusa. Ero convinto che tutto avesse a che fare con quella donna: dubitavo che fosse un’immagine generata della fantasia. Doveva essere reale; però, non capivo perché facessi tanta fatica a ricollegarla alla mia quotidianità.

TRAMA:

Svegliarsi nel cuore della notte. Il corpo paralizzato, un’ombra nella stanza: inquietante allucinazione o terribile realtà?

Un uomo, vittima di paralisi notturne, riprende conoscenza in un pronto soccorso. Non ricorda nulla di ciò che è successo quella notte. È ossessionato dall’immagine di una donna dagli occhi dorati. Non sa chi sia, né se appartenga alla realtà onirica. È l’inizio di un incubo senza fine…

BIOGRAFIA:

Giovanni Ascolani è nato a San Benedetto del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, nel 1989. Sin da piccolo si appassiona a libri, film e serie tv di fantascienza, horror e fantasy. Il suo autore preferito è H.P. Lovecraft.

Ha iniziato a scrivere nel 2018 pubblicando il suo primo racconto Psicosi nell’antologia Racconti horror – Volume I della Historica Edizioni.

Nel 2019 i racconti Vudù, La Sindrome di Ekbom e Il Krampus vengono inseriti rispettivamente nelle antologie Z di Zombie 2019, Halloween all’Italiana 2019 e Un Natale Horror 2019 curate da LetteraturaHorror.it. Nello stesso anno Il sabba entra a far parte della raccolta I racconti della Masca – Volume II della Masca Servizi Editoriali.

Nel 2020 il racconto Il viaggiatore viene pubblicato sulla rivista Dimensione Cosmica (Nuova Serie N.11) del Gruppo Editoriale Tabula Fati.

Nel 2021 esce l’ebook Lo sciacallo per la collana Horror Story di Delos Digital. Sempre nello stesso anno, i racconti Incubi e Il Dio venuto dall’Altrove appaiono rispettivamente sulle riviste Il Grimorio del Fantastico (Numero VII) e Dimensione Cosmica (Nuova Serie N.15).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...