“I custodi del caos” di Miriam Palombi, Delos digital. A cura di Jessica Dichiara

Apep è il Dio del Caos

Incide lentamente e con cura le carni.

Profana 

Sfida

Isfet è l’essenza vitale del dio, il suo spirito. Il piccolo cuore palpita dentro il fragile guscio. Essenza nascosta nell’idolo imperfetto e mostruoso.

Setau è un giovane ladro, così esile da sembrare un’ombra della sera.

Attende il silenzio

Contempla

Sente il buio

Rimane in ascolto 

Trema, è immobile, si abbandona, afferra, annaspa

I custodi hanno il compito di contenere il potere di Isfet. Mabe, l’ultimo custode sente e agisce perché è necessario passare attraverso l’orrore.

Qualcuno trama nell’ombra, qualcuno che freme per conoscere il caos turbando il riposo eterno dei morti.

Come mi sento?

Inquieta

Angosciata 

Viva

Incantata

L’horror è un genere che ho sempre letto con timore. Raramente mi coinvolge e per farlo deve farmi palpitare.

Ho palpitato! E ho adorato la diade fantasy-horror.

Le immagini originali create dall’autrice scuotono e movimentano la trama. Dialoghi corti, essenziali. Poter evadere, arrivare in Egitto, proiettare nei luoghi leggendari le proprie ansie è un ottimo, efficace e innocuo antistress. 

Da lettori questo genere si rifiuta o si ama, da scrittori invece si rispetta o si viola e il rispetto per il genere è ciò che esce dalle pagine dei custodi del Caos che ci fanno letteralmente vedere e sentire la voce del terrore liberandolo e liberandoci.

Consiglio per la lettura: di sera, con la luna come compagna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...