Per la giornata dedicata a H.P. Lovecraft Barbara Amarotti sceglie di parlarci dei Ratti nei muri e dell’orrore di Salem

H.P.Lovecraft, ha creato un mondo che ci attira ancora oggi.

Ma oltre a essere un maestro indiscusso del weird è stato anche un autore horror e due racconti in particolare hanno attirato la nostra attenzione fino al punto da essere inclusi nella stessa recensione.

Si tratta di I topi nei muri e L’orrore di Salem.

Ma cosa li accomuna, oltre a essere racconti del terrore?

Il filo conduttore è piccolo, peloso e con una coda molto lunga: un topolino insomma. Ovviamente, trattandosi del Maestro non è un simpatico roditore, quanto un tramite per un orrore ben più grande.

Se nel primo racconto i topi sono il tramite per arrivare a scoprire la maledizione che accompagna un’antica famiglia, nel secondo è sempre un topo che accompagna il protagonista alla porta dell’inferno che lo sommergerà.

Quindi i topi non solo sono il nostro personale filo conduttore, quanto un tramite per scatenare la paura e guidarci.

Ma verso cosa andiamo guidati?

Stiamo pur sempre parlando di Lovecraft e non possiamo non incontrare i Grandi Antichi, seppur non nominati, ma se ne I topi nei muri la causa della maledizione è un culto ancestrale è nel L’orrore di Salem che ci troviamo di fronte uno di loro e la sua apparizione è così imprevista da lasciarci sconcertati a fissare il grosso tentacolo che ci chiama per avvolgerci e trascinarci nella profondità della mente, alla ricerca della nostra paura più ancestrale: quella dell’ignoto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...