Un grande thriller aspetta soltanto di essere letto da voi, appassionati e non. Il nostro blog, in collaborazione con Libero Volo, blog letterario, è lieto di annunciare l’uscita di In vetta al mondo di Roberta Melli Leone Editore. Affrettatevi a lascirvi avvolgere dai brividi!

unnamed

 

 

Passato e presente si rincorrono e una pericolosa minaccia giunge da lontano per sconvolgere la pace di una malga alpina di alta montagna.

La pluripremiata autrice Roberta Melli torna in libreria con un nuovo adrenalinico thriller.

 

Un paesino abbarbicato sulle Dolomiti bellunesi scosso da un efferato omicidio, un affascinante ispettore della sezione omicidi di Torino, una vecchia storia di droga legata ad alcuni cartelli sudamericani e la presenza quasi mistica di un lupo albino a guidare i passi del protagonista. Sono questi gli ingredienti di In vetta al mondo

(Leone Editore, pp. 256), il nuovo romanzo della scrittrice vicentina Roberta Melli e ambientato, come per il precedente romanzo, in luoghi cari all’autrice.

Questa volta il lettore sarà catapultato sulle Alpi, fra i boschi e le malghe, dove incontrerà persone cordiali ma anche diffidenti e un carismatico ispettore di polizia della sezione omicidi di Torino originario di Misurina.

«Sono molto felice del risultato finale di questo romanzo e della rinnovata fiducia che l’editore ha dimostrato per il mio scritto – spiega Melli – come per il precedente, anche in questo romanzo c’è stato un lungo lavoro di ricerca e di raccolta di informazioni e di rielaborazione per conferire realismo alla storia. Amo scrivere e spero che i lettori possano apprezzare questo romanzo tanto quanto hanno apprezzato Senza tregua.»

Sinossi:

Teo Alberti, ispettore di polizia della sezione omicidi del distretto di Torino, deve tornare al paese natio poiché la madre è in fin di vita. Lì conosce una ragazza mulatta che vive in Svizzera: tra i due nascerà una intensa relazione, ma un brutale omicidio cambierà ogni cosa. Teo si troverà alle prese con un’indagine complessa e con una vittima dal passato oscuro, collegata ai cartelli della droga del Sudamerica. La presenza quasi eterea di un lupo albino che sembra seguire proprio il protagonista si rivelerà anch’essa un’importante traccia che aiuterà la conclusione dell’indagine.

 

Info

http://www.leoneeditore.it/catalogo/index.php main_page=product_book_info&cPath=5&products_id=427

Roberta Melli

Roberta Melli, classe 1964, attualmente lavora come insegnante di ruolo al liceo scientifico G.B. Quadri di Vicenza. Vince nel 2015 il concorso Del Leone per libri inediti con il thriller Delitto a ritmo di maratona, edito ad aprile del 2016 sotto il titolo Senza Tregua. Frequenta il terzo (e ultimo) anno del corso triennale di Grafologia presso l’istituto Grafologico Morettiano di Padova per il conseguimento del diploma post lauream di Grafologia Peritale. Entomologa, alleva insetti per hobby: fasmidi (insetti stecco, insetti foglia, calcarata) e blatte sibilanti (grandophorina portentosa). Maratoneta, ha gareggiato tre volte alla maratona di New York, oltre ad aver partecipato alla Cortina – Dobbiaco e ad altre competizioni minori. È appassionata di free climbing, di escursioni in alta montagna e ferrate.

Senza tregua ha riscosso numerosi premi. Vince a settembre 2016 il concorso letterario I libri di Morfeo in Sicilia. A marzo 2017 riceve il riconoscimento Letterario Scrittori con Gusto 18° anno dall’Accademia culturale Res Aulica di Bologna per l’opera ritenuta tra i romanzi di maggior pregio editi in Italia nel 2016. Vince il prestigioso Premio Cerruglio sezione narrativa a Montecarlo di Lucca il 2 settembre 2017, Fondato nel 2011 dall’Avv. Gabriele Focosi, Presidente della Sezione di Lucca dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia (UNUCI). Il romanzo si è inoltre classificato come opera finalista al Premio Letterario Firenze Capitale d’Europa e ha ricevuto la menzione d’onore al concorso Percorsi letterari… Dal Golfo dei poeti Shelley e Byron, alla Val di Vara.

 

 

LiberoVolo

Blog letterario,

una vetrina per chi scrive

www.liberovolo.it

info@liberovolo.it

Cinzia Ceriani

 

 

 

Annunci

Altri grande autori targati Quixote, che si lancia come un treno in corsa nella ricerca di talenti indimenticabili! Il blog è lieto di presentarvi: Terri E. Laine e A. M. Hargrove

foto-promo-LAINE-HARGROVE.jpg

 

L’autore

Un giorno, tornando a casa dal suo lavoro di agente di vendita, A.M. Hargrove si è resa conto che la sua vita stava andando troppo veloce. Se non avesse fatto presto qualcosa, sarebbe stato troppo tardi per scrivere quel racconto che sognava da tutta la vita. Si è buttata, ha preso una decisione improvvisa e ha mollato il lavoro. E si è reinventata come autrice di dolci e maliziosi romanzi.

Si considera, inoltre, tutte queste cose: lettrice, scrittrice, amante della cioccolata fondente, adoratrice di gelato, bevitrice di caffè, affezionata del Grey Goose e amante di #WalterThePuppy. Se le state vicino per più di cinque minuti vi accorgerete della sua tendenza a parlare in continuazione. Credeteci o no, tutte le sue pazze storie sono vere.

Potete trovare A.M. su

Facebook

Goodreads

Website

 

 

USA today bestelling Author Terri E. Laine

L’autrice bestseller USA Today Terri E. Laine ha lasciato una carriera redditizia per seguire il suo amore per la scrittura. Oltre che moglie e madre di 3 bambini è sempre stata una sognatrice e già da ragazzina era una lettrice instancabile.

Qualche anno dopo, ebbe la pazza idea di scrivere un racconto e pubblicarlo. Il resto è storia, con una dozzina di titoli pubblicati sotto vari pseudonimi.

Il suo percorso è stato una benedizione e la realizzazione di un sogno. Guarda già avanti a tutti i ricordi che ancora devono venire.

Potete trovare Terri su:

Facebook

Goodreasd

Website

 

 

Di A.M. Hargrove

 

FOR THE LOVE OF ENGLISH – stand alone

 

for-the-love-of-English.jpg

 

 Papà single, Beckley Bridges è sexy come il peccato.

No, davvero, è la cosa più bollente sin da quando è stato creato il sole.

Giuro su Dio, se rompi un uovo su di lui, comincerà a sfrigolare.

Quindi qual è il problema?

È anche un grandissimo stronzo.

Odio quel bastardo.

Cerco di evitarlo in tutti i modi.

Ma per qualche ragione me lo ritrovo sempre davanti.

Ma il vero problema è sua figlia, English.

È un’adorabile e stramba ragazzina di prima elementare ed è la cosa più dolce dopo il tè freddo.

È una dei miei studenti ma anche l’amore della sua vita.

Quindi, almeno professionalmente, devo avere a che fare con lui.

Non è facile.

Su una scala del dolore avere a che fare con Beckley Bridges è come sentir scorrere le unghie su una lavagna.

Ma quando la madre di English cerca di riprendersi la custodia della figlia, dopo averla abbandonata da neonata sulla porta di Beckley, lui cercherà in ogni modo di tenerla con sé.

Così finirà per chiedermi di sposarlo.

Non è pazzesco?

E io sto considerando di dirgli di sì.

Genere: Romance/Contemporaneo

Data di pubblicazione maggio 2018

L’autrice sarà presente al RARE18 a Roma

 

 

 A SPECIAL OBSESSION

A-special-obsession.jpg

 

Regola Numero Uno: non far avvicinare troppo nessuno…

Weston Wyndham ha più soldi sul suo polso tatuato di quanti ne potrò mai avere io sul mio conto in banca.

Da ubriaco era stupendo, peccaminoso, sexy, un dio tatuato.

Da sobrio è l’uomo più arrogante mai esistito.

Pensa di potermi trattare come una delle sue cameriere? Diavolo, no. È fuori di testa se crede che uscirò con lui. Non mi interessa quanto sia ricco, o se guidi una Ferrari o uno stravagante pick-up. Le mie mura sono lì per un motivo… e devono rimanere al loro posto.

Ma lui è implacabile, bollente e ama le ragazze litigiose.

Dargliela vinta non significa per forza che deve finire in un disastro, a meno che non infranga la mia regola numero uno.

Special O’Malley è una vera peste. Con un nome del genere non poteva essere altrimenti. Insolente come il diavolo, cerca di comandarmi e, dannazione, se non me lo merito.

I miei soldi di solito attraggono le donne… lasciatemelo dire. Non Special. A lei non importa niente dei miei soldi… o di me.

Ma c’è un altro giocatore testardo in questo gioco.

Non rinuncerò tanto facilmente… almeno non finché sarò tra le sue cosce, facendola gemere. E quelle sue mura di cemento che ha eretto… Ho delle notizie per lei.

Il cemento si sgretola se sai dove colpire.

Genere: Contemporaneo/Romance

 

 

CHASING VIVI

Chasing-Vivi.jpg

 

 

Chasing Vivi è un romanzo contemporaneo, sulle seconde possibilità, da nemici ad amanti, autoconclusivo.

 

Prescott Beckham è il più ricco e desiderabile scapolo di Manhattan.

Vivi Renard, un semplice ricordo del passato, non doveva avere così effetto su di me.

Quando l’ho conosciuta, dieci anni fa, non era che un cervello ben funzionante, che pagavo per fare i miei compiti.

 Solo che ora… è diventata splendida ma ha avuto il coraggio di rifiutare un mio appuntamento… diverse volte.

Nessuno rifiuta me, Prescott Beckham, per nessun motivo.

Ho un obiettivo e non mi fermerò fino a quando non mi troverò tra le sue gambe e la sentirò gemere il mio nome.

 Le sue labbra piene e rosse mi hanno fatto sognare cose oscene come un ragazzino alla prima cotta, e se io non posso averla, non voglio che sia di nessun’altro. La cosa peggiore è che io voglio ogni parte di lei.

 Ma c’è un piccolo problema. Vivi non mi sopporta. Anche il vecchio cerchiamo di essere di nuovo amici non ha funzionato. L’ha rimandato al mittente informandomi che non saremmo mai diventati amici.

 Ma io sono il re dei giochi spietati. Farà bene a prepararsi a togliersi i vestiti perché Vivi finirà nel mio letto presto… o tardi. Ma sono dannatamente sicuro che succederà presto.

 Preparatevi a ridere, a sciogliervi, odiare e innamorarvi di Prescott Beckham.

 Genere: Romance/New Adult/Contemporaneo

 

 

Di Terri E. Laine

 

CHASING BUTTERFLIES – Chasing butterflies book #1

 

Chasing-Butterflies.jpg

 

Una notte… un bacio… un tocco… cambierà ogni cosa.

 

La tragica vita familiare di Kelley Moore dovrebbe averlo reso un sopravvissuto. Ma quando la sua vita viene stravolta nuovamente, i suoi piani per un futuro migliore sembrano irraggiungibili. Essere un giocatore dentro e fuori dal campo di football è tutto quello che conosce, fino a Lenora Wells. La bellissima ereditiera gli fa provare e volere cose che mai avrebbe pensato di poter avere…

Lenora farebbe qualsiasi cosa per scappare dalla sua città, anche uscire col ragazzo sbagliato. C’è solo un problema: non riesce a smettere di pensare al bellissimo ma complicato ragazzo, con quegli occhi così singolari, che le fa sentire le farfalle nello stomaco e le fa mettere in discussione le sue scelte.

Quando le loro vite si scontrano, il mondo cambia e non in loro favore. Quattro anni dopo dovranno fare i conti con i loro errori passati e non sarà semplice perdonare.

Il college è un’altra realtà, una seconda possibilità per ottenere qualcosa di meglio.

Lei non è più la ragazza che ricordava e lui è l’unico ragazzo che lei non ha mai dimenticato.

È diventato un quarterback famoso, il ragazzo d’oro che non sbaglia mai. Ma lui è interessato solo a diventare il suo eroe.

Nonostante tutto, lei non può negare che le faccia ancora battere il cuore; lo convincerà a inseguire i suoi sogni.

Genere: New Adult/Sport Romance

USCITA APRILE 2018 – L’AUTRICE SARA’ PRESENTE AL RARE18 A ROMA

 

 

CATCHING FIREFLIES – Chasing butterflies book #2

 

Catching-fireflies.jpg

 

 

Una notte… un bacio… un tocco… cambierà ogni cosa.

 

 Chance Abbot è arrogante.

Sexy.

Affascinante.

Un giocatore in tutti i sensi.

Mi ha spezzato il cuore una volta e ho giurato che non sarebbe mai più successo.

Ma quando mi sorride, mettendo in mostra quelle fossette irresistibili, o mi guarda come se fossi la cosa migliore mai vista, mi dimentico che non dovrei innamorarmi di nuovo del suo fascino.

Brie Holloway è stupenda.

Innocente.

Indimenticabile.

È tutto quello che ho sempre voluto e tutto quello che non mi merito.

Ma questo non mi fermerà dal cercare di riconquistarla.

Così quando inizia a uscire con l’assistente del suo professore giuro di mantenere il segreto ma ad una condizione: per ogni volta che uscirà con lui, dovrà uscire anche con me. Sono pronto a dimostrarle che sono io quello giusto per lei, un appuntamento alla volta.

Lui sta incendiando il mio cuore e facendo crollare i miei muri, dimostrandomi che merita una seconda possibilità.

Lei è tutto ciò che di buono c’è nel mio mondo e se vuole che la insegua lo farò, perché lei mi ha convinto a non mollare mai quando voglio veramente qualcosa.

Genere: Contemporary/NewAdult

 

 

CHANGING HEARTS – Chasing butterflies book#3

Changing-hearts.jpg

 

Una notte… un bacio… un tocco… cambierà ogni cosa.

 

Molte persone vedono Sawyer Cargill come un ragazzo attraente e arrogante che non prende niente sul serio, compresa la scia di cuori che ha lasciato dietro di sé.

Ma c’è molto di più dietro gli scherzi e le allusioni sessuali; dietro la maschera che indossa così accuratamente. È nel modo con cui si prende cura degli altri, incluso me. È nella scintilla di dolore che porta dentro la sua anima.

Io lo vedo per quello che è veramente. Io so che il suo cuore è capace, da freddo e pungente, di diventare caldo e affabile.

È molto più che adorazione. Io lo amo.

Ma non sono l’unico elemento in questo triangolo. Qualcun’altro, altrettanto importante per noi, è innamorato di lui.

Come potrò essere felice sapendo che l’altra persona soffrirà?

Lui e io, insieme, dovremo trovare una soluzione perché una volta che sarà mio non lo lascerò andare.

Genere: Contemporary/NewAdult/Seconde Occasioni

 

 

CRUEL AND BEAUTIFUL SERIES

 

Di A.M. Hargrove e Terri E. Laine

 

Cruel And Beautiful – book#1

 

Cruel-and-beautiful.jpg

 

 Questo libro è basato su una storia vera.

 

Cate Forbes

È una diligente studentessa del college con un futuro già attentamente pianificato, e non sa nulla sull’amore. Quando accetta un appuntamento al buio con un ragazzo di cui si dice sia una vera e propria delizia per gli occhi, crede di riuscire a cavarsela con una semplice notte di divertimento. Ma i piani di Cate cambiano rapidamente quando dà uno sguardo più attento al sexy giocatore…

Drew Mcknight

L’intraprendente giocatore di Hockey e specializzando in Medicina sa quello che vuole: una carriera in Oncologia e Cate. Anche se ha sentito dire che la splendida brunetta è un po’ capricciosa, una singola notte non è quello che ha in mente. Determinato ad averla in ogni modo possibile, le mostra come potrebbe essere un futuro insieme a lui.

Ma la vita ha altri piani. L’impensabile accade e ogni cosa inizia ad andare male. Entrambi già troppo coinvolti dovranno combattere la crudeltà e aggrapparsi alla bellezza.

 

Attenzione: questo libro vi lascerà all’oscuro con molte domande. Questo è il punto. Cercate di resistere all’impazienza di sbirciare subito la fine e godetevi il viaggio. Tutte le domande avranno una risposta. Promesso.

 

Genere. NewAdult/Contemporaneo

Questo volume sarà disponibile in tempo per il RARE18 a Roma.

 

 

A Mess Of A Man – book #2

a-mess-of-a-man.jpg

 

Sciupafemmine, puttaniere, rubacuori sono tutti soprannomi familiari a Ben Rhodes. Lui preferisce Uomo dei Soldi o Dio del Sesso ma non lascia che le opinioni altrui lo influenzino. E tutto peggiora senza il suo migliore amico la cui morte a una così giovane età gli ha insegnato la preziosa lezione di non affezionarsi troppo a nessuno… mai. Fino a quando una ragazza testarda e con curve appariscenti non lo manda fuori di testa e rifiuta di essere domata.

La vita di Samantha Calhoun è su una buona strada persino dopo la sconvolgente rottura con il ragazzo che pensava di voler sposare.  A testa alta si concentra sulla sua carriera, costruendo la sua attività con grande successo. Ma durante un incontro si perde dentro un paio di seducenti occhi d’acciaio che le fanno vacillare le gambe e accelerare i battiti del cuore.

Informata da pettegolezzi non proprio lusinghieri sulla predisposizione di quell’uomo di non attaccarsi a nessuno, cerca disperatamente di fare il suo gioco, cercando di salvaguardare il suo cuore.

Ma quando le loro vite si scontrano, nessuno dei due ha idea del viaggio che stanno per intraprendere.

Alla fine dovranno affrontare la prova più importante delle loro vite perché lei è il grande punto di svolta di Ben. L’unica che, attraverso il caos, può addomesticare l’uomo che è diventato.

Genere: Romance/Contemporaneo

 

 

One Wrong Choice – book #3

one-wrong-choice.jpg

 

 

Non è il sogno di ogni donna sposare l’uomo perfetto?

La mia famiglia pensa di sì.

Credono anche di sapere esattamente cos’è meglio per me, e per loro.

Per molto tempo, pensavo di volerlo anch’io.

Poi ho conosciuto Brandon Connelly, un ragazzo rude e affascinante pieno di tatuaggi che ha trasformato i miei casti sogni in fantasie lussuriose.

A una prima occhiata, Brandon è tutto quello che pensavo di non volere, ma dopo essere diventati migliori amici, ho realizzato che potrebbe essere tutto quello di cui non sapevo di aver bisogno.

Sono combattuta tra quello che vuole la mia famiglia e seguire il mio cuore.

Se prendo una decisione sbagliata, rischio di perdere tutto.

Jenna Rhoades è off-limits. Proviene da una delle famiglie più ricche di Charleston e questo mette il freno a qualsiasi relazione possa esserci tra noi.

La sua famiglia sa esattamente con chi vuole che lei esca e io non sono quella persona.

Il problema è che da quando ci siamo conosciuti non penso che a lei.

La parte peggiore è che lei ha questa idea di noi due come migliori amici.

Come faccio a fingere di essere il suo migliore amico quando quello che vorrei è il suo corpo caldo tra le mie lenzuola, sotto di me, per soddisfare i miei desideri?

Il mio obiettivo è convincerla che, a volte, i migliori amici possono diventare anche ottimi amanti e una scelta sbagliata può distruggere per sempre l’unica possibilità che abbiamo.

Genere: Contemporaneo/Seconde Possibilità

 

Non nobis Domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam. Incontro con i Templari. A cura di Micheli Alessandra

cavalieri-templari-ordo2.gif

 

Sui  Templari si sono versati fiumi di inchiostro. Misteriosi, inavvicinabili e affascinanti, stuzzicano la fantasia di molti ricercatori. Ma l’essenza della loro organizzazione, delle loro credenze sfuggono a ogni tentativo di indagine. Pochi i dati certi, molte le speculazioni.

Guerrieri o mistici?

E soprattutto erano davvero anche loro eredi di una tradizione eretica?

Due sono le questioni che più ci interessano in questa nostra ricerca. Uno è di indagare quanto più possibile le dottrine dei templari, quelle stesse che furono alla base della loro persecuzione. Bisogna capire se essi furono gli eredi della tradizione eretica presente come si è visto nel Razes. Secondo sé ci possono essere legami tra questo ordine e l’altra importante presenza nella regione ossia i catari. Indagare su questo punto è molto importante perché se essi condividevano in parte o tutto, una precisa dottrina significherebbe un indizio in più dell’esistenza di una precisa corrente sotterranea. C’è poi un terzo che collega l’occulto e bistrattato movimento a uno dei misteri che, iniziato nel XIX secolo, ci accompagna ancor’oggi, ossia il mistero di Rennes Le Chateau, una strana e inquietante chiesa, voluta fortemente da un bizzarro abate Bereger Saunniere, che si erge maestosa nel piccolo ,ma famosissimo paesino del Razes, la odierna Linguadoca.

Chi sono i Templari?

Secondo gli storici ufficiali si tratta di un ordine monastico militare che trae ispirazione dall’ordine cistercense, sorto nel 1118 ad opera di Ugo di Payns, originario dell’omonima cittadina francese della Champagne, insieme al suo compagno d’armi Goffredo Saint Omer. Il compito dell’ordine era quello di assicurare l’incolumità dei pellegrini europei che visitavano Gerusalemme dopo la sua conquista. L’ordine venne ufficializzato il 29 Marzo 1139 dalla bolla Omne Datum Optimum di Innocenzo II e definitivamente dissolto tra il 1312 e il 1314 dopo un drammatico processo. Le ragioni per questa drammatica persecuzioni sono molteplici. Anche se il fascino dei templari risiede nelle misteriose attività e nelle dottrine che spesso sono state definite iniziatiche, l’ordine fu anche una grande potenza economica e politica. Note sono le loro attività bancarie iniziate quasi per caso.

Essi si trovarono ben presto a gestire un immenso patrimonio dato che quando un nuovo membro si univa all’ordine donava ad esso ingenti somme di denaro o proprietà, poiché tutti dovevano prender il voto di povertà. Grazie anche ai vari privilegi papali, la potenza finanziaria dei cavalieri fu assicurata dall’inizio. Poiché i templari mantenevano denaro contante in tutte le loro case, fu nel 1135 che l’ordine cominciò a prestare soldi ai pellegrini spagnoli che desideravano viaggiare fino alla Terra Santa. Il coinvolgimento dei cavalieri nelle attività bancarie crebbe nel tempo tanto che essi si trovarono a fornire servizi di intermediazione bancaria. Il loro ruolo crebbe così tanto da arrivare persino a prestare agli stati occidentali ingenti somme di danaro, in particolare la Francia si indebitò fortemente nei confronti dell’ordine. In pratica essi si trovarono a occupare una posizione di significativa potenza sia in Europa sia in Terra Santa. Questo successo attrasse la preoccupazione di molti ordini, della nobiltà e delle nascenti monarchie europee che iniziarono a desiderare il completo monopolio delle immense ricchezze dell’ordine.

Fu per questo motivo che, secondo molti storici, il re di Francia, Filippo IV il bello, mise in atto la persecuzione dei Templari con la complicità della chiesa. L’intenzione del re francese era quella di azzerare i propri debiti e impossessarsi del immenso patrimonio templare, riducendo al contempo il potere della chiesa. Il 14 Settembre del 1307 il re ordinò l’arresto dei templari e la confisca dei loro beni che vennero eseguite il 13 ottobre del 1307. Le accuse che investirono l’ordine erano infamanti: sodomia, idolatria e eresia. Vennero accusati di adorare una misteriosa divinità pagana il Baphometto, a quanto apre una testa barbuta che assicurava loro ricchezza e conoscenza. Questa accusa riecheggia i miti relativi alla saga celtica del Graal e avvalorava di più la tesi di eresia.

Ma essi erano davvero eretici?

La maggior parte delle loro confessioni furono estorte sotto tortura dunque poco affidabili per ricostruire in modo organico e certo le loro dottrine. E’ tuttora aperto il dibattito sulla fondatezza delle accuse di eresia formulate agli appartenenti all’ordine.

Studi recenti accreditano sempre più a teoria secondo la quale la vera causa della fine dei templari fu una cospirazione indotta dal re di Francia che si trovava quasi in bancarotta e il popolo esasperato per la grave crisi economica accentuata dalla svalutazione della moneta ad opera del re medesimo. L’ordine invece risultava proprietario di un tesoro immenso.

Agli inizi degli anni duemila, la studiosa Barbara Frale rinvenne negli archivi Vaticani un documento noto come pergamena di Chinon che dimostra come papa Clemente V, intendesse perdonare i templari nel 1314 limitandosi a sospendere l’ordine piuttosto che sopprimerlo. Il pontefice sperava di poter salvare l’ordine magari sottoponendolo a una profonda riforma. L’inchiesta di Chinon, in ogni caso, ribadisce le pratiche di iniziazione effettuate dagli aspiranti templari come ad esempio lo sputo sulla croce.

Risulta dunque una certa uniformità non solo dalle confessioni estorte lo ricordo con la tortura ma anche da dichiarazioni spontanee. Questo porta a ipotizzare che davvero esistesse tra l’ordine un rito segreto e un sapere iniziatico di cui, forse, è possibile tracciare un profilo sommario.

Esistono delle interessanti connessioni tra i templari e i catari, l’altro movimento eretico in opposizione alla chiesa cattolica profondamente presente nell’Aude. Ad esempio il rito di entrata, ricorda molto la posizione catara e gnostica in generale che rifiutava e abiurava la cristolatria. Al novizio, infatti, veniva ordinato di non credere nel crocifisso, bensì nel signore che è in paradiso. Pare che venisse loro insegnato che Gesù era stato un falso profeta, non una figura divina sacrificatasi per riscattare i peccati degli uomini. Questa posizione riecheggia il rifiuto dei catari ad abbracciare la visione della chiesa cattolica, in quanto essi ritenevano il Cristo una presenza puramente spirituale, e la crocifissione non uno strumento di salvezza e redenzione ma soltanto di brutale barbarie.

La vera salvezza era rappresentata dalla gnosi.

Anche per i templari era lo stesso?

Interessante è la presunta venerazione per l’idolo denominato Baphometto. Alcuni vedono nell’etimologia di questa parola codifica del termine Maometto. Questo perché pare che contrariamente alle abitudini dell’epoca l’ordine era in contatto con ambienti arabi musulmani e di essere più vicini alla fede islamica che non a quella cristiana. Secondo Julios Evola, quest’ultimo accenno è forse da intendersi sulla base del fatto, che a caratterizzare l’islamismo sta parimenti nella loro anticristolatria.[1]

In effetti, seppur la fede musulmana si identificava con il nemico corrente, le crociate nella quale i Templari ebbero una parte importante, crearono malgrado tutto un ponte supertradizionale tra occidente e oriente. Questo permise la trasmissione di conoscenze connesse con la tradizione sacra primordiale. Fu così che la cavalleria crociata finì per trovarsi di fronte a ordini che avevano la stessa etica, gli stessi costumi, gli stessi ideali di guerra santa e in più similari dottrine iniziatiche. Ad esempio i Templari strinsero legami forti con l’ordine degli Ismaeliti, con la setta degli Hassasin e con membri della mistica sufi. In questa ottica la venerazione del Baphometto poteva essere interpretata come la venerazione di una precisa dottrina che poteva abilmente essere simboleggiata nella custodia del Graal. Questa immagine è stata abilmente fotografata dal Parzival di Eschenbach. In questo meraviglioso racconto che si parla di una conoscenza sacra, misteriosa e inavvicinabile ai profani, custodita da ordini guardiani, appartenenti a una sorta di cavalleria terrestre.

Ma nel simbolo del Graal ha anche un posto importantissimo la figura femminile, poiché spesso questa coppa è portata da radiose fanciulle. Ecco che allora la derivazione del termine Baphometto può riferirsi anche a un altro segreto iniziatico: la venerazione per la Sophia, la sapienza di Dio.

Questo è un concetto universale che però fu alla base della filosofia catara. Pare che la venerazione di questa divinità, fosse conseguenza della loro vicinanza ad ambienti di tipo cabalistico, alchemico e ermetico. Nel vecchio testamento la Sophia è presentata come compagna di Dio. Questa divinità, fu più tardi eliminata dal pantheon ebraico, ma rimase il concetto di saggezza e sapienza, un concetto che fu immesso nelle storie del ritrovamento del famoso calice, dono di vita e saggezza. In questo simbolo

vi si ritrova anche il termine alchemico dell’androgino; chi si si ricongiunge con la donna, chi li riassorbe in sé nell’opera di reintegrazione ottiene la piena realizzazione intesa come la riunione delle due nature per tornare allo stato originario. Proprio lo scopo che si prefiggevano i catari.

 Ma le similitudini tra i due movimenti non si fermano qui. Anche i templari, ad esempio, disprezzavano i sacramenti sopratutto la confessione e la penitenza cioè proprio quelli che reiterano il concetto cattolico di peccato originario e della conseguente espiazione.

Perché?

Forse anche perché i templari consideravano che l’unico e solo peccato è quello della mancata coscienza della vera origine dell’uomo?

C’è anche un interessante ipotesi su questo disprezzo: questo sarebbe stato conseguente a un mancato riconoscimento della suprema autorità del papa e della chiesa. Sarebbe dunque una sorta di ribellione contro la pretesa prevaricatrice di un’organizzazione che si poneva al di sopra e spesso fuori del vero insegnamento cristiano.   Un ulteriore importantissimo elemento comune era anche l’intensa venerazione per la figura di Maria Maddalena considerata la depositaria di potenti segreti sulla vera origine del cristianesimo.

Questi legami furono troppi per essere rilegate nell’universo delle coincidenze possibili[2]. Entrambi presenti in una zona precisa come si è visto dotata di un curioso potere mistico, tutti e due destinati a una brutale repressione per motivi di ordine politico, religioso e forse economico. Infatti entrambi godevano dell’appoggio di importanti famiglie nobili della zona a partire dai Voisin, dai Blanchefort e dagli Aniort. Gli Aniort ad esempio concessero all’ordine di stabilirsi nella località di Coume Sourde, (proprio la località in cui Ernest Cross, un vecchio amico di uno di Berenger Saunniere, ritrovò un’altra famosissima lastra: la Dalle di Coume Sourde. )

Questa non è l’unica lastra tombale ad essere in connessione con i Templari. anche la famosa Dalle della marchesa d’Hautpuol rivela tracce inequivocabili dell’ordine. In particolare lo si individua nel termine Praecum che corrisponderebbe a un abbreviamento del genitivo Praeconum ossia degli Araldi. Questo era il termine con cui venivano spesso designati i Templari del XIII e XIV secolo quali araldi della cristianità. Di quale cristianità di parla è un altro discorso.

I Templari erano custodi di qualche segreto? E se così fosse di quale segreto si sarebbe trattato?

Per rispondere a queste domande occorre tornare indietro nel tempo lasciando però il protetto nido dei fatti per immergersi nelle nebulose acque delle ipotesi

 

I Templari: custodi di un segreto.

Seppure la storia ufficiale pone la costituzione dell’ordine nel 1118, in realtà pare che i Templari (formati all’inizio da 10 cavalieri) fossero attivi a Gerusalemme già nel 1103. Il loro compito ufficiale era quello di proteggere i pellegrini che entravano e uscivano da Gerusalemme ma, fonti documentarie, informano che nel 1118 vennero accolti da Baldovino II e ottennero il permesso di prendere possesso di un’ala dello stesso palazzo, che cosa interessante, sembra fosse stato costruito nel luogo dove un tempo si pensava fosse sorto il tempio di Salomone.  Invece di onorare il loro compito primario ossia la difesa dei pellegrini, pare che per otto lunghi anni, non si mossero da quella postazione. Che cercassero qualcosa di ben definito? Ma cosa?

Tra le le suggestive ipotesi possiamo segnalare quella del ritrovamento del tesoro del Tempio, di documenti segreti contenenti conoscenze esoteriche  e addirittura l’arca dell’alleanza.[3]

Per poter formulare ipotesi più concrete è importante a mio avviso è anche il luogo dove scelsero di risiedere a Gerusalemme e dove condussero le loro ricerche: il tempio di Salomone. Un tempio simbolo non solo dell’ebraismo ma di tutta la tradizione esoterica occidentale. Il tempio di Salomone infatti fu costruito secondo precise indicazioni, proprio quelle che formeranno la cosiddetta geometria sacra. E il possesso di simili conoscenze potrebbe spiegare molte particolarità dei templari. ad esempio il forte accento mistico e spirituale della loro organizzazione. Infatti essi si trasformarono in una sorta di ordine guerriero dove importante era l’accento sui classici voti monastici di povertà obbedienza e castità, come se fossero impegnati assiduamente a portare avanti una sorta di purificazione interiore.

Le ipotesi a questo punto si fanno intricate: antichi documenti che spiegherebbero la loro profonda conoscenze delle dottrine neopitagoriche, essene e gnostiche. La stessa scelta della croce pattè come loro simbolo distintivo che deriva appunto dalla conoscenza dell’ottagono e di riflesso dalla geometria sacra.

Ma anche la leggenda che li vorrebbe possessori dell’arca dell’alleanza può far optare per una loro vicinanza a queste dottrine, in quanto anche l’arca era un simbolo della presenza di Dio sulla Terra, al pari delle cattedrali. Interessante notare come anche l’arca dell’alleanza segua precise disposizioni per la sua creazione, quasi fosse anch’essa prodotto di quelle sacre conoscenze che si riassumono nel motto ermetico:

 

come in alto così in basso[4]

 

Fu grazie a queste conoscenze acquisite non si sa come, che essi sono considerati dai molti coloro che favorirono il fiorire dell’arte gotica[5]. In tale arte era indispensabile l’applicazione di principi della geometria sacra, la teoria secondo la quale la proporzione geometrica, ha in sé una risonanza con l’armonia divina. Ciò sottolinea l’affermazione di Pitagora secondo cui il numero è tutto e rafforza il concetto ermetico che la matematica è un codice con il quale Dio parla all’uomo. [6] Per questo la cattedrale risultava funzionare come uno strumento alchemico in cui realizzare la grande opera, ossia la trasmutazione dell’uomo e dove il concetto di saggezza e sapienza che fu immesso come elemento vitale nella pianificazione delle stesse. Le cattedrali erano, dunque, inni alla Dea ne rappresentavano il corpo e simboleggiavano perciò l’universo che, nel suo grembo, conteneva l’essenza della divinità maschile.[7]

 

I Templari e Rennes le Chateau.

Rennes Le Chateau è uno dei misteri che ancor oggi intrigano e affascinano non solo semplici curiosi ma anche molti storici e esoteristi.

L’ordine fu presente come si è già sottolineato, nel Razes sin dai primi anni della loro costituzione tanto che fecero sentire la loro influenza anche su elementi che più tardi entrarono a costruire l’universo magico del mistero di Berenger Saunniere. Essi costruirono tutt’attorno a Rennes una serie di masserie spesso con l’appoggio delle famiglie che da sempre sembravano custodire quel qualcosa di magico presente nella zona. E l’ordine sembrava altrettanto desideroso di esercitare sulla valle una discreta ma continua sorveglianza probabilmente da mettere in relazione con gli aspetti prettamente magici che abbiamo già accennato di questa terra ricca di misteri. Le masserie templari che circondano Rennes sono, infatti, in numero dodici, quasi come se, al pari dei cavalieri della tavola rotonda, il loro compito fosse quello di proteggere e circondare un luogo sacro, paragonabile a qual centro mistico citato spesso da Evola[8] come patria della tradizione primordiale.

Esisteva davvero un segreto custodito da questa organizzazione occulta riguardante il suolo del Razes? E, questo segreto, aveva epicentro proprio a Rennes?

Interessante è un episodio citato da Mariano Bizzari:

 

Nel Razes, a partire dal 1156, sotto la diretta responsabilità del gran maestro Bertand de Blanchefort, i Templari avevano condotto alcune operazioni non poco enigmatiche…durante la sua maestranza i templari del Bezù fecero giungere nella zona una colonia di operai tedeschi. Questi lavoratori vennero assoggettati a una disciplina inusualmente severa che impediva loro di avere qualsivoglia contatto con la popolazione locale da cui vennero tenuti rigorosamente segregati…

Per quale motivo?

Cosa cercavano di tanto importante i templari?

Anche le spiegazioni ufficiali della loro permanenza al Bezù sono enigmatiche e richiamano le spiegazioni peraltro poco convincenti della loro costituzione. Infatti, ufficialmente i monaci guerrieri erano stati chiamati da Pierre de Voisins per proteggere la strada seguita dai pellegrini che si dirigevano a Santiago de Compostela. Ancora una volta si cercò di mascherare il vero motivo, la vera natura dell’ordine templare. Perché? Forse perché esisteva un patto tra le nobili famiglie e gli appartenenti all’ordine? Questo patto prevedeva la conservazione e la protezione di un segreto? Di una conoscenza occulta riguardante la regione?

Se così fosse ci troviamo davvero di fronte a una corrente sotterranea di tipo esoterico che, per secoli, si occupò di una regione che era terra di misteri, di energie arcane. Energie che se opportunamente sviluppate e usate potevano donare potere, conoscenza e ricchezza. I templari del Bezù, furono in stretto contatto con quella famiglie che da sempre covavano una certa simpatia per i movimenti eretici!

Abbiamo già citato le importanti casate con cui questo misterioso ordine ebbe profondi legami di amicizia e di parentela, tra questi gli Aniort. George Kiss ha individuato negli archivi del tempio di Douzens il nome di alcuni fratelli, signori di Rennes, nell’anno 1140.

Sappiamo inoltre che a Douzens si trovava una delle commende templari più importanti, se non la più importante del Razes.

Anche la famiglia dei Voisin[9] intratteneva buoni rapporti con l’ordine del Tempio; per questo motivo quando decise di ampliare la cappella comitale di Santa Maddalena e aprirla all’uso pubblico, affidò i lavori di costruzione ai templari. All’epoca Rennes appare sui documenti del tempio con il nome di Beate Marie de Reddae o Sancta Maria de Reddis.[10]

Anche se non fu mai esistita una commenda dell’ordine dei templari, eppure scrive Sabina Marineo:

 

L’ombra del tempio aleggia sul castello, sulla chiesa e sul cimitero. Impossibile ignorarla.[11]

 

Nel 1958, l’ingegner Cholet trovò dei documenti della famiglia Amaury-Monfort che contenevano una particolareggiata descrizione della chiesa di Santa Maddalena a Rennes.

Durante la crociata contro gli albigesi, Simon de Montfort aveva conquistato e saccheggiato Rennes, prima di cederla a un Voisin?

Possibile che, essendo stato il feudo di sua proprietà per un certo periodo la famiglia Amaury-Montfort fosse venuto in possesso di alcuni documenti dell’epoca. Cholet iniziò le sue ricerche nel 1959 e trovò effettivamente i nascondigli così come erano contrassegnati sulle pergamene di Montfort ma completamente vuoti. Inoltre segnalò sul suo rapporto la presenza di due scale sotterranee, l’una in vicinanza al pulpito l’altra della sacrestia.[12]

Dopo essere passato nelle mani dei Voisin e più tardi dei Marquefave, il feudo di Rennes diviene nel 1422 proprietà degli Hautpoul. Diversi discendenti di tale casata si susseguono quali signori di Rennes le Chateau fino a che, nel 1626, Phillippe de Niort sposa Paule de Negre.  Questa unione che ristabilisce dopo alcuni secoli gli antichissimi signori di Aniort nel dominio del Razes. Nel 1732 una discendente delle due famiglie Nègre e Niort, Marie de Nègre diviene moglie di Francoise d’Hautpoul de Blanchefort trovandosi in possesso di tutti i documenti che riguardano Rennes le Chateau.

Ed è forse questo segreto che darà vita alla leggenda di Rennes e sarà alla base della fortuna inaspettata di Berenger Saunniere.

Un segreto che forse non andrà dispero dopo la scomparsa dei due movimenti e che forse entrerà di diritto nei miti e nei simboli degli eredi diretti delle tradizioni catare e templari.

 

 

Note. 

[1]Julius Evola, il mistero del Graal, Mediterranee, 2002, pag 167

[2]   Secondo Nicole Dawe e Charles Bywater ci sono prove di catari che si rifugiarono dai templari dopo essere stati ridotti in povertà e non solo vennero accolti e protetti ma furono addirittura sepolti presso di loro. In seguito i templari fecero il possibile perché le famiglie dei catari e dei loro discendenti riavessero le loro terre. Addirittura ci sono prove documentali che dimostrano come, al culmine della crociata contro gli albigesi, il tempio diede soccorso a tutti quei cavalieri che combatterono a fianco dei catari contro i crociati (riportato in, La rivelazione dei templari, di Lynn Pickntt Clive Prince Sperling e Kupfer  2002, trad. Cristina Speciali. Pag 74)

[3]   Lawrence Gardner, I segreti dell’arca perduta, Newton e Compton Roma 2005, trad. Franco Ossola.

[4]   Logicamente tutte le ipotesi poi non necessariamente si escludono a vicenda; il ritrovamento di manoscritti segreti, magari contenenti conoscenze di tipo esoterico, non respingono il ritrovamento di altre importanti reliquie. Anzi spesso queste ipotesi possono addirittura essere interconnesse.

[5]     Il termine goetik infatti significa appunto magico.

[6]     Il tempio di Salomone è l’anima di Dio inscritta nella pietra.

[7]   Questa concezione del femminile è presente anche nel progetto delle chiese formate a pianta ottagonale, inscrivibili in un cerchio (come credevano fosse la forma del tempio di Gerusalemme). Il cerchio stesso simbolizza il femminile ossia i circoli e i cicli da sempre associati alla Dea sia in senso esoterico che biologico. Anche i tumuli sepolcrali primitivi erano rotondi in quanto rappresentavano il ventre della madre terra.

[8]    Julius Evola il mistero del Graal, Ed. Mediterraneee

[9]   Pierre fu signore di Rennes le Chateau nel XIII secolo.

[10]  Ciò ricorda l’iscrizione della lastra della marchesa.

[11]  Sabina Marineo, la tomba d’Arcadia all’ombra del tempio, http://www.sabina-marineo.net pag.3

[12] Cholet interruppe poi bruscamente le ricerche a causa di un incidente: una pesante trave di legno gli cadde ai piedi mentre entrava in chiesa. Inoltre ebbe la certezza di aver scorto un ombra furtiva che si allontanava. Questo episodio lo spaventò a morte facendogli credere di essere stato vittima di un tentato omicidio. Abbandonò Rennes e non vi tornò mai più.

Nuove imperdibili uscite, targate Leggereditore, una garanzia di qualità!

 

leggereditore

 

 

 

NON LASCIARMI ANDARE, CATHERINE RYAN HYDE

 

cover-hyde.png

 

 

(pp.208 – prezzo 16€)

 

 

Cosa succede se l’unico modo per salvare tua madre è doverla abbandonare?

 

 

Sinossi

Grace, dieci anni, vive nella periferia degradata di Los Angeles con una madre tossicodipendente che la trascura e il rischio di essere affidata ai servizi sociali. C’è solo una persona che può aiutarla a uscire fuori da questa situazione e donarle una nuova speranza: Billy Shine, il suo vicino di casa. Un tempo ballerino di Broadway, Billy è ora un uomo solitario, in preda a continui attacchi di panico, spaventato dalla gente e dal mondo fuori le quattro mura della sua casa. Le sue giornate scorrono silenziose, perfettamente orchestrate da una routine da cui raramente riesce a fuggire. Tutto cambia, però, quando nella sua vita irrompe la piccola Grace, proponendogli un piano audace e coraggioso per aiutare la madre a disintossicarsi. Billy si mostrerà per lei un fidato alleato, pronto a farsi in quattro. L’impresa, d’altra parte, è di quelle che ridanno senso all’esistenza e nuova fede nell’amore puro e incondizionato. Ma non è affatto facile, perché per aiutare la madre di Grace sarà necessario privarla della cosa di cui ha più bisogno: sua figlia.

 

Emozioni, coraggio e sfide da affrontare per una storia intensa che vi farà commuovere.

 

 

L’autore. 

Catherine Ryan Hyde, classe 1955, vive a Cambria, in California. Scrittrice poliedrica e vivace, ha pubblicato numerosi romanzi e raccolte di racconti, grazie ai quali ha ricevuto importanti riconoscimenti letterari. Tra le sue opere più famose ricordiamo La formula del cuore (Piemme, 2000), tradotto in 23 lingue e da cui è stato tratto un film con Kevin Spacey, Un sogno per domani. Con Non lasciarmi andare fa il suo ingresso nel catalogo Leggereditore.

 

 

 

FINO ALL’ULTIMA PAROLA, TAMARA IRELAND STONE

 

cover-stone.png

(pp. 368 – prezzo €14,90)

 

Se potessi leggere nella mia testa, non mi sorrideresti…

 

 

Sinossi

A prima vista Samantha McAllister sembra essere come tutte le ragazze della sua età, ma dietro il suo aspetto curato nasconde un segreto che non ha mai confidato a nessuno. Tormentata

da un flusso continuo di pensieri negativi, paranoie e fissazioni, come quella per il numero tre, Sam soffre di un disturbo ossessivo-compulsivo che rende difficile non solo il suo rapporto con gli altri ma anche e soprattutto con sé stessa. C’è solo un luogo in cui riesce a sentirsi veramente libera: la piscina, per lei fonte di ispirazione, riconciliazione con il mondo e, soprattutto, con la propria mente. Ma una volta fuori dall’acqua, è tutta un’altra storia… Forse ciò di cui avrebbe bisogno è circondarsi di amici migliori, veri e profondi, proprio come lei. Decide così di entrare in un gruppo segreto, l’Angolo dei Poeti, per aprirsi a nuove esperienze. E qui, in modo del tutto inaspettato, incontra Aj da cui si sente subito attratta. Per Sam, però, è tutt’altro che naturale lasciarsi andare, e assecondare i propri sentimenti non sarà affatto un’impresa facile…

Un romanzo sull’importanza dell’amicizia autentica e vera, per ritrovare sé stessi lungo un emozionante percorso attraverso le parole.

 

 

L’autore

Tamara Ireland Stone è  autrice di numerosi romance, pubblicati in più di venti Paesi. Ex marketing manager di un’azienda della Silicon Valley, adora sciare, fare trekking e trascorrere il tempo libero insieme alla sua famiglia. Vive con il marito e i loro due bambini non lontano da San Francisco. Con il romanzo Fino all’ultima parola fa il suo esordio nel catalogo Leggereditore.

 

Incontro con l’autore: Li sogna, la scrittura soave. A cura di Milena Mannini

22447453_198850043989868_517762556_n.jpg

 

 

Introduzione.

Anche oggi Milena Mannini ci porta alla scoperta di una scrittrice self, dotata di una delicatezza rara che trasmette nei suoi libri. Ecco uno dei necessari elementi della scrittura, la passione, unico sentimento in grado di instaurare con il lettore un flusso empatico che rende un testo un’unico mezzo di comunicazione tra due mondi: quello del lettore in cerca di risposte e quello dell’autore, che a quelle risposte ha dato la sua unica e personale interpretazione. Senza il patto interpretativo il libro è soltanto un’insieme di frasi, di sintassi e di grammatica, privo di vita e di emozioni.

E invece il libro deve farsi corpo, deve avere una voce tonante, mille sfumature e mille diversi suoni, ognuno in grado di stuzzicare la mente e la famosa anima di quel pellegrino in cerca di se stesso. E il tuo io si forma attraverso il confronto con l’altro pensiero, con l’altro da te, con il diverso e con il simile. E’ questo il vero segreto dello scrivere che, come osserverete, la nostra Li Sogna riesce a padroneggiare.

Del resto anche il suo nome d’arte ci accompagna in un regno numinoso da cui tutto nasce, quel fiume sogno da cui le storie hanno origine e vengono continuamente elaborate. Come dicevano gli aborigeni australiani, forse davvero il mondo nasce dall’atto creativo per eccellenza il sognare, che è anche un vedere con altri occhi, un qualcosa in procinto di accadere, un prevedere le conseguenze della potenzialità fatta materia, un guardare oltre il reale.

Perché in fondo ce lo svela Shakespeare:

 

Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita.

 

Buon viaggio.

 

 

 

Oggi è con noi una delle prime scrittrici self che ho avuto il piacere di conosce a più livelli, e che dopo un periodo di allontanamento, perché molto spesso le strade delle persone si dividono per poi incrociarsi di nuovo, ho ritrovato e con nuovo vigore

Lei è Li Sogna e ha al suo attivo un libro e uno che uscirà a breve e di cui magari oggi riusciremo a scoprire qualcosa in esclusiva

 

Sognando la tempesta

 

51ffe43GmQL._SY346_.jpg

 

Gaia è una trentenne sognatrice delusa dall’amore. Non sa, però, che una tempesta sta per abbattersi sulla sua vita, sconvolgendola per sempre. La tempesta si chiama Pier, un uomo che il destino ha scelto per lei. I due iniziano una relazione virtuale complicata, morbosa e passionale, fatta di incontri in chat e di coinvolgimenti emotivi molto intensi. Pier, però, alla richiesta di un incontro vero è sempre sfuggente, lasciando Gaia nell’incertezza e nella disperazione. La nostra sognatrice saprà lottare per conquistare un pezzettino del suo cuore?

 

 

L’autore.

Li Sogna nasce a Catania nel maggio del 1975

Moglie e mamma di due bimbi, lavora in un call center da diciotto anni. E proprio dalla sua esperienza lavorativa prende spunto per raccontare la storia di “Sognando la tempesta”.

Scrive da sempre, dai tempi della scuola, ma sempre e solo diari personali. La scrittura l’ha aiutata da adolescente ad analizzare meglio le cose, visto che era molto timida e riservata, a sfogarsi, a chiudersi nel suo “mondo”.

Dopo aver messo via i diari per la sopraggiunta “maturità” e per mettere a frutto il suo progetto di vita, a un certo punto sente l’esigenza di tornare a leggere, e non solo libri scolastici imposti. Complici le “sfumature”, comincia a scoprire che esiste un mondo variegato e colorato, pieno di emozioni che proprio la lettura le dà. Da lettrice compulsiva qual è, decide di registrare un account Facebook di cui nessuno è a conoscenza per poter interagire con le sue scrittrici preferite. Da lì non si ferma più perché, quasi per gioco, ricomincia a scrivere, buttando giù qualche frase qua e là e, in modo del tutto inaspettato, viene esortata da lettori e scrittori a creare un progetto più corposo, che potesse mettere a frutto delle doti che lei stessa non pensava di avere.

Ed eccoci qua. Il sogno si è realizzato: la scrittura le permette di evadere, sognare, immergersi in una realtà in cui lei è la protagonista, in cui le emozioni la fanno da padrona e la vita di tutti i giorni risulta essere più leggera.

 

 

M. Chi è Li Sogna? E chi Libera?

 

L. Li Sogna è fondamentalmente uno pseudonimo composto dalla prima sillaba del nome e da un verbo che le si cuce addosso. Perché sia Li che Libera sono sognatrici che vedono il bicchiere sempre mezzo pieno, che sorridono alla vita, nonostante i mille problemi, che trovano nella lettura e nella scrittura un mezzo per evadere. L’unica differenza tra le due è che Libera sta più coi piedi per terra, cercando di essere concreta, senza farsi sopraffare dai sogni e dai desideri. Una sorta di wonder woman che sa trasformarsi all’occorrenza.

 

 

M.In che modo i tuoi libri sono differenti e cosa li accomuna?

 

L. Finora ho pubblicato solo un romanzo, “Sognando la tempesta”, acquistabile su Amazon in cartaceo e ebook. Il mio secondo, attualmente in fase di editing, non ha ancora un titolo certo, ma spero che sia online al più presto. Se ci sono differenze? Direi proprio di sì, perché il primo ruota attorno a una storia d’amore complicata e tormentata, in cui la protagonista, Gaia, lotta con se stessa e con chi ama per riuscire ad essere finalmente felice. Nel secondo, Cassandra è una ragazza che scappa di casa per cercare di trovare al di fuori delle mura domestiche ciò che le manca. A differenza di Gaia, trentenne con esperienze e i suoi mille perché, Cassandra è acerba, presuntuosa, molto realista e tende a far prevalere la ragione sopra ogni cosa, anche sull’amore. Farà delle esperienze molto forti che l’aiuteranno a crescere troppo in fretta. È un racconto più introspettivo, psicologico, in cui si troveranno diversi spunti di riflessione sulla vita, sugli obiettivi che ci poniamo e sul modo per raggiungerli.

 

 

M. Perché scrivere?

 LSemplicemente per far uscire fuori sensazioni, emozioni che spesso tengo rinchiusi dentro me. La scrittura mi dà modo di esprimere ciò che nella normale vita fatico a far emergere, presa dalla frenesia e dalla razionalità. L’inchiostro impresso su un foglio mi fa stare bene, mi permette di essere me stessa, con le mie debolezze e le mie certezze.

 

M. Descriviti con un libro?

 L. Premettendo che la mia “tempesta” mi rappresenta moltissimo, c’è un altro libro, che ho letto decine di volte, che mi emoziona e rispecchia la mia personalità e i miei desideri: “L’amore è uno sbaglio straordinario” di Daniela Volonté. Racconta anche quello di una relazione virtuale che, rispetto al mio, non cerca di diventare reale, ma che poi esplode per il desiderio dei due protagonisti di conoscersi davvero. La protagonista è una donna autonoma, apparentemente forte, che trova nell’amicizia virtuale, arrivata molto per caso, una valvola di sfogo in una vita spesso grigia.

 

 

M. Nel primo libro hai descritto una situazione che coinvolge perché può essere un’esperienzache tutte noi potremmo vivere, a te è successo?

 

L. Non ho mai vissuto una relazione virtuale, anche se ho ricevuto diverse proposte, ma sono riuscita a raccogliere tante testimonianze di chi le ha vissute davvero e, grazie a loro, ho potuto metterle nero su bianco.

 

 

M. Cosa si deve aspettare il lettore dal tuo prossimo lavoro?

 L. Una lettura più intima, delicata e forte al tempo stesso, una storia che farà riflettere e che ci farà immedesimare da parecchi punti di vista.

 

 

M. È stata più faticosa la stesura del primo libro o del secondo?

 LLa stesura del secondo è stata decisamente più faticosa. Il primo l’ho scritto di getto in tre mesi. Questo in quasi un anno, con una pausa in mezzo di un paio di mesi. Mi ero fermata perché sentivo che c’era qualcosa che non andava, non mi sentivo abbastanza ispirata e sicura del percorso che stavo intraprendendo.Avevo anche cercato di stilare una scaletta, ma la mia indole non me l’ha mai consentito, perciò ho ripreso, lasciandomi guidare dall’istinto. Rileggendolo, credo che si noterà la differenza tra la prima e la seconda parte. Certo, mi rendo conto che uno stile diverso possa indurre il lettore a pensare che sia stato scritto da due persone, ma, giuro che non è così.

 

 

M. Quanto e in cosa sei presente in questi libri?

L. Nel primo sono praticamente me stessa. Cassandra è un’inguaribile romantica e sogna il Principe Azzurro. È spesso incerta e si pone mille domande senza trovare sempre un perché. Proprio per questo si sente angosciata e cerca di risollevarsi contando nella poca forza d’animo che non sa neanche di avere.

Ho “costruito” il personaggio di Cassandra, invece, cercando di prendere le distanze da lei, descrivendola inizialmente come una ragazzina spavalda, intollerante e presuntuosa. Lei che aveva deciso di scappare di casa con soli trecento euro, pensando che bastassero. Lei che si era ritrovata a gestire da sola la sua esistenza, contando solo sulle sue forze, senza considerare che si sarebbe potuta imbattere in esperienze così forti da mettere in dubbio tutte le sue scelte. Lei che poteva fare a meno dell’amore e del sostegno degli altri, perché se la sarebbe cavata da sola. Non voglio aggiungere altro, ma spero di avervi incuriosito.

 

 

M. Le recensioni sono la croce e la delizia di ogni autore per te sono più l’una o più l’altra?

 L. Le recensioni, a mio parere, sono sempre importanti per chi scrive, a prescindere dal mezzo utilizzato per farle. Per il primo libro ne ho ricevute parecchie, molte delle quali con commenti in chat private. Quindi, per me non fa molta differenza se pubblicate ufficialmente su Amazon o comunicate personalmente. Tutte mi lasciano qualcosa, tutte mi fanno riflettere, valutare, crescere. Ho ricevuto molti complimenti, ma anche delle critiche. Sono proprio queste ultime che, se costruttive, mi arricchiscono come non mai e mi permettono diattenzionare aspetti a volte sottovalutati. Poi, naturalmente, la scrittura è un’arte e, come tale, è sottoposta a un giudizio soggettivo che non potrò mai criticare, se argomentato e sentito.

 

M. Per chiudere posso chiederti di regalare ai nostri lettori uno stralcio del tuo nuovo romanzo?

L. Vi faccio leggere due pezzettini, molto diversi tra loro, che spero possano incuriosirvi:

 

[…]“Ah, ecco, avrebbe mangiato con me, pericolo scampato, mi sentii subito meglio. L’imbarazzo, però, non mi abbandonò, purtroppo, non ero in grado di capire se sarei riuscita a mandare giù qualcosa, anche perché, generalmente, ero così pasticciona che spesso mi ritrovavo a sbavare senza volerlo. Se ne sarebbe andato con una favolosa immagine di me che provavo a tamponare in tempo la goccia d’olio che, lenta e inesorabile, sarebbe scesada un lato della mia bocca. Ridevo per non piangere.”[…]

 

 

[…]“Mi allontanai pian pianino, sperando che gli altri, distratti, non si accorgessero della mia assenza. Dopo essere uscita dal salone, accelerai il passo fino a far diventare una corsa il mio quieto incedere. Salii le scale a tre a tre e, affannata e stravolta, mi rifugiai nella mia camera. Lasciai le luci spente, facendomi guidare dai riflessi di una luna piena che, spendente e quieta, faceva capolino, quasi a volermi rassicurare, cullare.Mi tuffai sul morbido letto e sfogai tutta la mia tristezza in un pianto disperato. Non mi frenai, perché lasciarsi andare era tutto ciò di cui avevo bisogno, certa che nessuno mi avrebbe sentita da lassù. E più pensavo ai miei riuniti a casa, all’abete, ai regali, al senso di famiglia, e più aumentavano angoscia e singhiozzi. Non riuscivo più a frenarmi, ma forse non avevo neanche tanta voglia di farlo.”[…]

 

 

Link Amazon

https://www.amazon.it/Sognando-tempesta-Li-Sogna-ebook/dp/B01LDUKET2/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1506602367&sr=8-1&keywords=sognando+la+tempesta

 

http://amzn.eu/04bejc9

 

 

 

IL RINGHIO

Tag

, , ,

 

 

Transilvania 1860
Iernut – Contea di Mures
Occupazione asburgica
Romanzo volutamente romance, storico, no erotico.

In collaborazione con il blog “I romanzi si raccontano”

 

Il demonio sa affascinare e abbacinare, i suoi modi non sono ruvidi come i miei e il suo passo è perfetto, sollevato dal mondo come una danza, capace di trascinarti nel suo inferno. Non sono il demonio, se lo fossi, forse... sarei felice.

Efrosina, ladra braccata e senza neppure un’identità precisa, si scontra con Victor, il signore dei lupi, misterioso possidente del castello del piccolo paese transilvano di Iernut. Vite distanti eppure simili per gli abusi subiti, rinnegate dal mondo e ferocemente aggrappate al respiro.
Una donna infangata e un uomo con il sangue ululante di giustizia. Un villaggio indifferente. Un mostro nascosto in una casa sperduta nel bosco. Tre guardiani con gli occhi taglienti. Ma nulla è come sembra: il carnefice è vittima e la vittima è disperato fuggiasco.
Un inno all’amore, alla speranza, alla diversità, nelle atmosfere di una terra aspra e impervia eppure magnifica. Un viaggio interiore nell’impossibile con profonde radici nella magnificenza della Natura.

 

 

ESTRATTO DA ‘IL RINGHIO’

«Voglio andarmene» lo colpì all’improvviso «Qui tutto è pericoloso: voi, quello sconosciuto, i lupi, le vostre serve, il castello intero!» si adirò, indifferente al bisogno di aiuto che aveva. Si era fatto del male e lei lo ignorava, insensibile e distaccata.
«É più pericoloso oltre i miei cancelli. Superali e ti ammazzeranno» tentò di persuaderla affaticato.
«Oltre i vostri cancelli conosco ogni anfratto, qui tutto mi è oscuro» concluse. Fece per uscire, infischiandosene di lui, della vita agiata che stava conducendo, delle stanze tiepide e dei pasti abbondanti. Andasse tutto al diavolo! Reclamava la propria libertà, costosa forse, ma assoluta.
«No» sospirò Victor, consapevole della sua decisione, nitida dentro di lei. Voleva davvero lasciarlo solo, voleva sul serio rendere i suoi giorni nuovamente inutili.
«Posso vivere anche senza di voi, l’ho fatto fino a ieri» ribadì con la mano sulla maniglia.
«Sono io che non posso vivere senza di te, anche se l’ho fatto sino a ieri» sparò riuscendo ad alzarsi. Umido di neve e freddo di inverno, la fissò assistendo alla sua meraviglia, lenta e inesorabile nel voltarsi per scrutarlo confusa.
«Fatemi capire. Perché sono qui?» farfugliò la giovane accettando di parlare ancora. Lo lasciò avvicinarsi, senza aiutarlo pur nella difficoltà che palesava: riusciva a stento a trascinare la gamba, barcollava, ma una forza sconosciuta lo stava sostenendo e lo avrebbe salvato. Le fu davanti, con uno schianto appoggiò l’avambraccio alla porta. La assediò senza forzatura, le fu a pochi centimetri dal viso, le fu dentro attraverso gli occhi, quegli occhi di un blu incantevole.
«Non fate questo errore, Victor» lo minacciò rigida. La vicinanza di un uomo le era sempre gravosa, certe situazioni erano per lei un campanello d’allarme che la facevano diventare cattiva. Lui non raccolse, lasciò che il proprio fiato di alcool e ciliegia, figlio della sbornia notturna, la inondasse, che l’aroma umido della neve tra i capelli e sulla pelle la inebriasse.
«Non me ne importa niente di un bacio, di una carezza; non mi interessa neppure il tuo corpo. Ciò che voglio avere tra le dita è solo il tuo cuore» la tranquillizzò assurdo. Lei sapeva bene come ragionavano gli uomini.
«Il demonio abbindola» si dimostrò attenta.
«Il demonio non ama» si dimostrò più potente di lei, capace di stenderla con uno sparo al petto, senza ferita. Efrosina arrossì, una vampata di imbarazzo la fece sudare in un momento e il profumo dell’ultimo bagno lo aggredì con un infinito languore. Victor non palesò nulla, semplicemente continuò ad annegare in quel lago blu che dal primo istante lo aveva stregato. Ebbe un lieve cedimento della gamba, ma resistette pur di non vederla uscire da quella maledetta stanza. Strinse i denti per non cedere, il destino ci metteva sempre una spina nella sua vita. Il ginocchio si piegò, lei istintivamente lo sorresse ponendo le braccia sotto le sue ascelle.
«Fareste meglio a sedervi» si affrettò a dirgli.
«Non voglio la tua pietà» sbottò. Questo la bloccò lasciandolo tornare alla poltrona, dove cadde pesantemente.
Il demonio sa mascherarsi bene. Una cosa sa fare meglio di ogni altra, incutere la pietà. Le parole del prigioniero echeggiarono in lei. Victor non voleva la pietà. Victor forse non era il demonio.
«Ti ho fatto capire quello che volevi capire. Spezzami pure il cuore, lungi da me costringerti in qualcosa» concluse davvero allo stremo.
Efrosina lo raggiunse, gli si inginocchiò davanti notando che stava sudando copiosamente. Gli passò una mano sulla fronte aggrottata.
«Avete bisogno di cure»

 

Facciamo due chiacchiere con l’autrice!

 

  • Buongiorno, Barbara, quando hai progettato questa storia?

Buongiorno. L’idea risale a tanti anni fa, andavo ancora a scuola. Lo sviluppo ha preso corpo durante questa estate torrida 2017.

  • Sei stata ispirata da qualche lettura, vecchia o recente?

Le letture che mi hanno ispirata sono molte, ma ciò che mi ha veramente dato l’impulso è la mia passione per il mistero, le leggende, i luoghi e le terre dell’est.

  • L’ambientazione è reale o di fantasia?

Piccola curiosità. Come detto, l’idea nasce molti anni fa, quando internet non esisteva e avevo a disposizione solo l’Atlante geografico con le sue immense cartine fisico-politiche. Così sceglievo i luoghi per le mie idee e così ho scelto il piccolo paese di Iernut, in Transilvania. L’ho immaginato con un castello e ne ho descritto alcune strutture. Rivedendo le cose con l’aiuto di internet sono rimasta basita nel constatare che parte della mia fantasia corrispondeva a realtà. Quindi posso dire che l’ambientazione è reale, il posto esiste. La trama, invece, vuole essere intrisa di mistero, di paranormale, anche se… come sempre, esco dai canoni e non ottengo mai il risultato che forse il lettore si aspetta. Se sia migliore o peggiore delle aspettative, questo attendo di saperlo proprio dai lettori.

  • Il romanzo è autoconclusivo o rientra in una serie/saga?

Autoconclusivo e non ho nessuna intenzione di fare un sequel o un prequel. Non amo le saghe (scriverle), già due volte ci sono cascata e non voglio ripetere lo stesso ‘errore’, nel senso che poi magari non mantengo le promesse date.

  • Parlaci dei personaggi e definiscili brevemente con qualche aggettivo. Qualcosa che li renda irresistibili agli occhi del lettore.

Irresistibili è una parola grossa, ma ve li presento!

Il protagonista maschile è Victor, il signore dei lupi, il figlio di un vampiro (creduto tale dai paesani). Un uomo oscuro e profondamente segnato da un passato di ingiustizia e abusi, feroce ma non crudele, dotato di un potere legato alla natura cui il destino lo ha legato indissolubilmente. E’ il capobranco di un gruppo di lupi, tra i quali spicca il suo fratello più stretto, una magnifica bestia bianca dallo sguardo tagliente. Negli occhi dell’uomo scintilla a momenti proprio una luce verde che testimonia la sua natura duplice.

La protagonista femminile è Efrosina, una ladra senza fissa dimora braccata dal paese per le sue razzie nelle dispense, fobica nei confronti di cani e lupi, sempre in fuga e segnata dal passato di bimba abbandonata e allevata da una tribù zingara e magiara. Il padre adottivo è la bestia del suo passato, colui che senza pietà ne ha fatto la sua schiava sessuale. Ferita dentro e ringhiante, incontra un destino che muterà profondamente la sua vita, ma non muterà la sua indole ribelle e attenta. Viene chiama la faina di Iernut.

I due personaggi diciamo secondari sono il dottor Ascu e la schiava Azzania. Il primo è un uomo dal fascino ingiusto, dalle alte conoscenze, dalle mani sporche del sangue di suo figlio. Ma è proprio così? E’ un personaggio discordante che manda in confusione il lettore, ha due anime e un’eleganza che cozza contro la grossolanità voluta del protagonista, con il quale ha un conto in sospeso e continui, estenuanti scontri verbali. La serva Azzania non è proprio una serva, è colei che Victor ama come una sorella, quella che lo quieta quando il dolore a la paura lo scuotono, quella che capisce prima di lui ciò che sta accadendo e che gli accadrà. Qualcuno l’ha definita una fata madrina, ma non è magica, è solo molto intelligente.

  • Qual è il pubblico ideale per questa storia? È un testo per tutti o per fasce di lettori ben precise, ad esempio per adolescenti, adulti o è pensato per un pubblico prevalentemente femminile o maschile?

Diciamo che questo romanzo nasce rosa ‘rosone’, durante la stesura l’ho definito melassa, nelle presentazioni avverto di un tuffo nel miele. Direi che il pubblico cui è rivolto è femminile, ma si sa… quando mi leggono gli uomini quasi li converto a lasciarsi trascinare nella selva dei sentimenti appassionati e romantici. Il mio lettore alfa (io lo chiamo così) è un uomo e riesco sempre ad appassionarlo e non mente, perchè con un romanzo mi ha detto chiaramente che non gli piaceva il genere e ciccia. Posso dichiarare che chiunque può leggerlo e apprezzarlo, specialmente i giovani, perchè notoriamente io non scrivo erotico, quindi anche le scene d’amore del mio romance sono soft e collegate più ai sentori che ai sensi.

  • Che tipo di linguaggio hai scelto, per questo romanzo? Colloquiale, forbito, diretto ecc…?

Ho usato il mio linguaggio, quello con cui penso. E siccome me lo aspetto, lo dico per prima: forbito (magari anche fastidioso, non lo escludo). La mia scrittura è involontariamente astrusa, un po’ retrò, forse esageratamente artificiosa, ma non posso farci niente. O mi si ama o mi si odia, ripeto: scrivo come penso e in fase di correzione metà della stesura viene sfalciata, onde evitare d’essere prolissa.

  • Che cosa desideri comunicare al lettore? C’è un significato nascosto, sotto la trama?

Sì, vorrei comunicare qualcosa al lettore e ho scelto un genere inconsueto per farlo. Cosa mai potrebbe comunicare un romance e per di più paranormale? Lo dico nella sinossi: è un inno alla diversità. La diversità. In questo romanzo trionfano i diversi, le vittime, i carnefici hanno una change oppure vengono annientati in nome della giustizia. Questo voglio comunicare: il rispetto per la diversità e non in senso razziale (quando scrivo non faccio politica), piuttosto in senso interiore. Ogni persona ha qualcosa dentro e a volte il dolore giustifica la tristezza e la chiusura. La Natura impera su tutto, con le sue regole e la sua magnificenza; la Natura rende i piccoli uomini esseri importanti, grandi, potenti. Ma solo se loro non useranno quel potere per distruggerla, altrimenti sarà lei a distruggere.

  • Hai usato una tecnica particolare, per scrivere questo romanzo?

Non lo so. Quando scrivo seguo il pensiero. Sono solita scrivere in progressione, nel senso che non scrivo a pezzi, ma seguo un percorso come se io stessa vivessi giorno per giorno, ora per ora, l’avventura descritta. Non sono capace di scrivere a pezzi e poi unirli tra loro. Questo forse è il motivo che a volte mi blocca e mi costringe a cambiare le situazioni per andare avanti.

 

Ringrazio per questa intervista e per lo spazio che gentilmente i viene riservato.

Grazie a te per essere stata con noi!

 

“I balordi di Tulear” di Daniele Vacchino, Eretica Edizioni. A cura di Frank Slade

vacchino1.jpg

 

 

In un’atmosfera, al quanto contrastante, fatta di sole, mare e piaceri della vita da un lato ma miseria e quasi completa anarchia dall’altro, si snoda il racconto di Daniele Vacchino “I balordi di Tulear”.

Tulear , cittadina turistica del Madagascar (corrotta ed allo sbando in ogni suo settore sociale, dal popolo sin arrivare alla polizia e non solo), e’ teatro del sogno di quattro amici europei che stanno trascorrendo l’ultimo pezzo della loro vita in codesto luogo, dopo i loro successi/fallimenti più o meno discutibili.

Approfittando del cambio di potere e quindi del caos che regna nella località, prepareranno il colpo del secolo che permetterà loro di ritornare in auge dal punto di vista economico e morale. Ma l’organizzazione meticolosa che loro stessi metteranno in opera sarà ricca di imprevisti perché ognuno di loro dovrà fare i conti con le loro vite disastrate.

A tal proposito, perderanno pezzi per la strada ma ne acquisteranno un altro che darà maggior senso a questo gruppo di attempati sognatori.

Ma questo libro non è solo il racconto della preparazione di una rapina ma è anche la storia del riavvicinamento di un padre, ormai quasi finito, ed un figlio, che distanti anni luce dai loro punti di vista, troveranno finalmente un unità di pensiero e la voglia di star bene insieme.

Riusciranno codesti uomini nel loro intento ?

Cosa si è disposti a fare per il Dio denaro?

Sono alcune delle domande che questo avvincente racconto risponderà, attraverso dialoghi meticolosi ed estremamente dinamici ma soprattutto, direi, ad una attenta descrizione del luogo e del suo contesto sociale.  Persino gli odori , i profumi del mare o dei bar  sembrerà  di viverli come fossimo noi stessi catapultati in Madagascar.

Per tanto godetevi questa veloce lettura a mente libera, magari nei vostri tragitti per andare a lavoro o in facoltà ed alla fine del libro vi renderete conto che la vita può ricondursi a una semplice citazione del libro stesso

 

“Finche vivi, splendi. Nulla ti affligga troppo. La vita non dura che un attimo.”

“La tredicesima vittima” di James Patterson e Maxine Paedro, longanesi Editore. A cura di Benianimo Malavasi

88304431749788830443174-1-300x455.jpg

 

 

Lindsay Boxer è una donna realizzata, una madre e una moglie felice. Ma è anche e soprattutto una detective in una città pericolosa come San Francisco, che non lascia tranquille né lei né le sue amiche, la giornalista Cindy Thomas, il medico legale Claire Washburn e l’avvocato Yuki Castellano. Quattro menti affascinanti che per passione e per mestiere hanno scelto di non dare tregua al crimine. L’ultimo, terribile assassino che tiene in scacco la città ha deciso di seminare morte e terrore uccidendo in maniera indiscriminata i clienti di una nota catena di fast food, senza lasciare alle Donne del Club Omicidi alcun indizio o movente. Qual è il suo misterioso piano di morte? Quale il sanguinario obiettivo che intende raggiungere? Ancora una volta la sfida con il male è difficile e pericolosa, quasi impossibile; Lindsay e le altre dovranno ricorrere a tutte le loro abilità e al loro coraggio per vincerla…

 

 

Sono giorni impegnativi per le “Donne del Club Omicidi”: il passato che ritorna (con una pistola in mano), bombaroli di carne macinata, pirati e….un matrimonio!

Il duo Patterson-Paetro ci consegna un romanzo godibile, che non può non incontrare i gusti di ampia gamma di lettori, dagli appassionati di thriller a chi preferisce toni più leggeri, il tutto ben miscelato e sostenuto dal giusto ritmo.

La lettura scorre fluida e la sapiente costruzione dei capitoli crea quel grado ottimale di suspense che rende difficile staccarsi dal romanzo (anche dalle pagine tendenti più al rosa che al giallo…).

Non male anche lo strumento concepito per compiere gli omicidi…post prandiali.

Difetti?

A voler essere pignoli l’evoluzione dell’abbordaggio della nave da crociera sfocia in una “americanata”, più adatta ad un film di Steven Seagal che a un libro tutto sommato “credibile” come quello in esame; anche il salvataggio del sergente Lindsay Boxer denota più di un appiglio cinematografico…

In ogni caso, non si può che evidenziare la bontà dell’impianto narrativo e la scelta della prima persona singolare (quella della protagonista Lindsay Boxer) quale voce narrante aiuta il lettore a calarsi al meglio nelle vicende esposte e nei ragionamenti che le guidano.

 

Un libro delicato e potente, ottimo prodotto di una casa editrice che non delude mai, il blog è lieto e orgoglioso di presentarvi “La ragazza di Koros” di Nadia Toffanello, Mezzelane editore.

La ragazza di Koros.jpg

 

 

Sinossi

Azzurra ha trent’anni e si è appena trasferita in una piccola isoletta della Grecia per vivere con da Delia, la sua migliore amica di quando era bambina. È scappata da un marito violento, da un inferno domestico durato cinque anni e un po’ anche da se stessa. L’idea era quella di non morire, ma presto diventa anche quella di ricominciare a vivere. L’affetto e la vivacità dell’amica e la vita sull’isola e leniscono le sue ferite, come se il mare cicatrizzasse anche i lividi sull’anima. Tuttavia ciò che ha vissuto negli ultimi cinque anni l’ha cambiata fin nel profondo, così Azzurra decide di scrivere tutto ciò che ha passato, come se metterlo su carta possa in qualche modo permetterle di esorcizzarlo, analizzarlo, forse capirlo. Un giorno d’estate al Cafè del Mar, dove lavora Azzurra, arriva un uomo un po’ all’antica, simpatico e gentile, che le fa battere nuovamente il cuore. Simone ha l’hobby della pittura e un giorno dipinge un ritratto di Azzurra che cambierà le sue prospettive. Quando il quadro viene esposto però, Azzurra capisce di essere in pericolo, e se qualcuno la riconoscesse e suo marito risalisse a lei?

 

 

L’autore

Nadia Toffanello vive a Vercelli, in Piemonte, luogo dove è nata nel 1973. Ha studiato come ragioniere programmatore e perito commerciale, ha lavorato per diversi anni in studi di consulenza contabile, tuttavia la sua fervida fantasia non l’ha mai fatta sentire a suo agio fra i numeri. Fin da ragazzina amava scrivere, inventare storie e metterle su carta. Da “grande” ha rinunciato al sogno di scrivere trovandosi diversi lavori, ha anche aperto, per un breve periodo, un negozio dedicato ai gatti. Sì, perché Nadia, fra i vari progetti che ha intrapreso, è stata anche un’allevatrice di Sacri di Birmania. Adora i gatti e gli animali, ha un animo sensibile e una spiccata immaginazione, spesso sogna le storie che poi mette su carta. Possiede purtroppo anche un’innata insicurezza che le ha fatto attendere molto tempo prima di trovare il coraggio di buttarsi nel mondo della scrittura in modo serio. Con il suo racconto “L’uomo che rubava i sogni” nel 2016 ha vinto – pari merito – il concorso letterario “La pelle non dimentica” indetto dalla Casa Editrice Le Mezzelane di Santa Maria Nuova in collaborazione con l’associazione culturale Euterpe di Jesi e l’Associazione Artemisia di Firenze per sensibilizzare le persone verso il problema della violenza sulle donne, lo stupro e il femminicidio. Il suddetto racconto fa parte del volume “La pelle non dimentica” – racconti, edito da Le Mezzelane Casa Editrice. Sempre nel 2016 si è classificata prima nella seconda edizione del concorso letterario “Emozioni in tazza”, indetto dal Blog “Le Tazzine di Yoko”, con un racconto fantasy/distopico dal titolo “8”, che sarà pubblicato nella raccolta “Indissolubile”. Nadia Toffanello ama scrivere storie di vario genere, spaziando dalla fantascienza al fantasy fino ai romanzi d’attualità, alle storie romantiche e a quelle horror; è una lettrice onnivora e un’eterna sognatrice. È sposata dal 2001 e suo marito legge tutto ciò che scrive, è un po’ il suo Beta Reader. Fra i suoi hobby, oltre a quello della lettura che l’accompagna fin da bambina, ci sono la musica e la fotografia. Adora guardare film e serie TV, e stare a casa a scrivere, e a sognare nuove storie, in compagnia dei suoi gatti.

 

 

Dati libro

Autore: Nadia Toffanello

Formato 15X21

N° pagine versione cartacea 216

€ 12,90

Isbn 9788899964764

N° pagine ebook 302

€ 4,99

Isbn 9788899964771

Collana: A lieto fine

L’ ultimo giorno di sole

Tag

,

L’ ultimo giorno di sole

Giorgio Faletti

 

Editore:Baldini & Castoldi
Collana:Romanzi e racconti
Anno edizione:2017
Disponibile anche in altri formati:
epub € 7,99 pdf € 7,99

In collaborazione con il blog “I romanzi si raccontano”

Descrizione

L’ultimo racconto scritto da Giorgio Faletti. Un’imminente esplosione solare, una donna che decide di non scappare per affrontare se stessa

Mentre tutti fuggono alla ricerca di un improbabile luogo dove potersi salvare da una imminente esplosione solare, una donna decide di restare nel paese dov’è nata, e di guardarsi dentro. Racconta a se stessa e al mondo che scompare ciò che ha visto e chi ha incontrato, le cose che ha vissuto e quelle che ha sognato. E canta per esorcizzare il buio. O per accoglierlo nel modo migliore, nel segno di una commovente tenerezza per le cose umane. Il racconto è diventato e tornerà a essere uno spettacolo teatrale, diretto da Fausto Brizzi e interpretato da Chiara Buratti (per la quale lo spettacolo era stato scritto e pensato).

Giorgio Faletti