Il blog presenta “Cose da bambini” di Toni Brunetti, Planet book. Da non perdere!!!

PREFAZIONE MATTEO VIVIANI

“Cose da bambini” è uno di quei romanzi che quando ne interrompi la lettura per fare qualcosa o

andare da qualche parte, ti rimane un sottile giramento di coglioni, proprio come accade con un

buon film.

Dopo un pugno di pagine il lettore si fonde a tal punto con Marco, un bambino di quasi 11 anni alle

prese con un trasloco di famiglia, da vivere in prima persona quel che solo un’Italia alle porte

degli anni ‘70 può lasciare nello stomaco e nell’anima.

Sono squarci di vita autentici, vivi, pulsanti ed in continua evoluzione. Le differenze e le similitudini

con il nostro tempo prendono corpo nella struttura sociale che caratterizzava le nostre città prima

dell’avvento di internet; quelle sfumature relazionali che si formavano a seguito di un saluto, un

tono di voce più o meno cortese o uno sguardo di disapprovazione. Un’era appena dietro le spalle

insomma…dove lo sguardo fresco di un bambino era sempre impegnato a registrare e catalogare

quel che accadeva attorno a sé anziché digerire i pixel di un I-Phone.

Il piccolo Marco, un giovane uomo alle prese con una costante lotta interiore; senso di

inadeguatezza, mancanza di coraggio e paura di fallire continueranno a farlo oscillare all’infinito

ma sarà proprio il coraggioso tentativo di opporvisi a tracciare il suo destino.

Poi ci sono i tumulti adolescenziali di Mara, che un padre non può riuscire a leggere senza

stringere impercettibilmente le labbra e gli stravolgimenti di un nucleo familiare così tanto italiano

da sembrar fin troppo vero. Da lì in poi gli avvenimenti si susseguono incalzanti, trasformando quel

rivolo narrativo in un soft-triller denso di colpi di scena. Una scarpina da bambola verde, un

aborto in gran segreto, una storia d’amore e il passato che si ripresenta, nel ricordo di una

bambina caduta da un balcone 15 anni prima.

L’occhio narrante è sempre quello vivido di un ragazzino immerso in una costante ricerca di

equilibrio fino a quando, d’improvviso, lo stesso si ritrova in una Milano ingolfata dalla pandemia

a fissare una polaroid, scattata 50 anni prima dalla sorella, la bella adolescente ribelle oramai

perduta per sempre.

E’ qui che i nodi si sciolgono permettendo al lettore di trovare risposta a tutta una serie di domande

rimaste in sospeso per migliaia di battute. Una volta chiuso il quarto di copertina rimane un

pensiero colloso: e se fosse vero che il buonsenso non è che l’alibi dei pavidi?

Ah, un’ultima cosa, quasi dimenticavo: ho pianto… ed è stato molto bello

SINOSSI
Milano, dicembre 1969. Marco Berni ha undici anni e troppe paure. La sua è una famiglia
problematica: sua sorella è fragile e testarda, sua madre è oppressa dal rapporto burrascoso con il
marito e suo padre è un irresponsabile. A Marco non resta che la sua grande passione per il calcio
e i dialoghi interiori con il suo idolo Tex Willer, un modello di coraggio da seguire. Trasferitosi
all’Anello, un quartiere difficile dove tutto è violenza e persino la scomparsa di una bambina
sembra passare inosservata, Marco fa amicizia con Edo e il Fotaro e, in 12 mesi memorabili, sarà
costretto ad affrontare tutti i suoi fantasmi. La scoperta dell’amore e la consapevolezza della paura
di crescere lo spingeranno a compiere un’azione eroica e folle. Quell’impresa diventerà il punto di
svolta della sua crescita personale.


TONI BRUNETTI
Vive e risiede a Milano.
Autore e regista, da molti anni si occupa di comunicazione.
Lavora in ambito televisivo, per le aziende e la pubblica impresa.
Cose Da Bambini è il suo primo romanzo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...