“Posantrimia” di Giuseppe Lisciandrello, Eretica Edizioni. A cura di Alessandra Micheli

Jung aveva ragione.

Ma da vendere direi.

Aveva compreso tutto il meccanismo che regge la nostra apparente perfezione umana: ossia una corretta comunicazione con l’ombra.

Senza questa essa viene ignorata dalla coscienza e relegata in infere regioni, separata da un fiume ribollente e custodita da un Caronte sulfureo.

Eccola li la vedete?

Rannicchiata e incattivita, emarginata dalla luce si agita e si trastulla con il buio.

Fino a diventare totalmente folle perché, appunto..isolata.

L’ombra perde la lucidità e inizia a ingigantirsi, a prendere una strana corporeità dando vita all’altro.

E di altri nella letteratura ne abbiamo a iosa.

Altri crudeli, altri grotteschi, altri solitari, altri che tentano disperatamente di attirare l’attenzione.

E spesso con conseguenze nefaste. Incendi divampano nella casa perfetta della nostra mente, esseri deformi ghignanti iniziano a dominare la personalità effettuando la tremenda scissione stevensoniana.

L’altro è minaccia, l’altro è mancanza di limite o di eticità.

L’altro ci parla, ci deride, ci spinge verso il baratro della follia.

Genera mostri e e dilata la realtà fino a deformarla.

E noi siamo li inebetiti, pieni di odio verso qualcosa che non conosciamo e che si presenta sotto le sembianze del fato, del custode della soglia che decide di porci di fronte all’osceno dilemma: per liberarti della colpa, del dolore, della mancanza, della solitudine devi compiere il sacrificio. Posantrimia è il libro del fato, laddove in una notte come le altre, sullo sfondo di una corruzione che è insita nell’animo della modernità decide di bussare e prendere il sopravvento.

La vita del nostro protagonista supera il confine tra veglia e sonno e diventa un avventura che ha del surreale e del tragico. Una sola parola domina la vicenda: posantrimia.

Parola che ha una cadenza quasi lugubre.

Che è però la sua vera salvezza.

Cosa sarà mai la colpa?

Quale orrore ha condotto Mario sulla soglia dell’abisso?

Basta uno sguardo, uno solo per esserne rapito.

Eppure la redenzione è in una sola, autentica parola, bandolo della matassa capace di portarlo fuori dal labirinto del Minotauro.

Un libro crudo, e duro.

Difficile da digerire perché il continuo alternarsi di sogno e realtà lo rende claustrofobico e soffocante.

Pertanto, posso solo dire che è un viaggio…meraviglioso.

E se riuscirete a arrivare alla fine, comprenderete il vero male di questo buio secolo, laddove l’ombra cerca famelicamente il suo riscatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...